Italia

Il Ministero dell’Interno ha espulso dall’Italia un 24enne marocchino e un imam del Bangladesh

di  Redazione  -  3 Dicembre 2019

Il Ministero dell’Interno ha espulso dall’Italia un 24enne marocchino e un imam del Bangladesh. Il ministero dell’Interno

html">ha annunciato di avere espulso un 24enne marocchino residente a Torino e un imam 19enne del Bangladesh residente a Padova, entrambi per motivi «di sicurezza».

Mohamed Bendafi, originario del Marocco, aveva condiviso online dei video legati al terrorismo islamista, compresi alcuni che invitavano a unirsi ai gruppi jihadisti in Siria. Secondo i carabinieri che hanno condotto le indagini, Bendafi «aveva intrapreso un percorso di radicalizzazione» ed era collegato a un connazionale già condannato per terrorismo nel 2017.

La seconda persona espulsa è invece Jounayed Ahmed, 19enne. Faceva l’imam e l’insegnante di religione islamica in un centro culturale bangladese a Padova ed era indagato per maltrattamento di minori e abuso di autorità per via delle sue lezioni, in cui, secondo il Viminale, era «solito percuotere, umiliare e minacciare i bambini».

 

.