Italia

Roma: la libreria La Pecora Elettrica non riaprirà

di  Redazione  -  3 Dicembre 2019

Roma: la libreria La Pecora Elettrica non riaprirà. La libreria e caffetteria La Pecora Elettrica, che per due volte quest’anno aveva subito degli incendi dolosi, prima il 25 aprile e poi nella notte tra il 5 e il 6 novembre, non riaprirà più. Il secondo incendio della libreria, che si trova nel quartiere di Centocelle, era avvenuto il giorno prima dell’inaugurazione che avrebbe dovuto seguire la fine dei lavori di ristrutturazione fatti dopo il primo incendio. Dopo il rogo era stata organizzata una grande manifestazione a sostegno dei librai e per chiedere un centro di aggregazione culturale nel quartiere. Inizialmente era stato supposto che il movente degli incendi fosse politico, mentre le più recenti ricostruzioni sulla vicenda parlano di un problema di criminalità organizzata.

I proprietari Danilo Ruggeri e Alessandra Artusi hanno annunciato la chiusura definitiva sui social network e sulla pagina di raccolta fondi di GoFundMe che era stata aperta per aiutarli a riaprire: «È con grande dispiacere che vi dobbiamo rendere partecipi della nostra decisione di non riaprire La Pecora Elettrica a Roma. Non viviamo questa scelta come una sconfitta: il lavoro svolto, di cui siamo molto orgogliosi, in due anni e mezzo di apertura, ha messo in moto nuove energie e nuove progettualità che non andranno disperse». Sulla pagina di GoFundMe erano stati raccolti più di 18mila euro.

Si chiarisce che da libera cittadina solidale con La Pecora Elettrica mi sono permessa di attivarmi e e iniziare questa raccolta. Attraverso il sistema di questa piattaforma ho nominato La Pecora Elettrica come beneficiario di questa raccolta (nella casella e-mail La Pecora Elettrica ha ricevuto da GoFundMe le istruzioni per accettare i fondi raccolti sul proprio conto). Tuttavia ribadisco che proprio secondo il meccanismo di questa piattaforma, i fondi non verranno sbloccati finché Pecora Elettrica non accetterà di essere beneficiario. Qualora Pecora non accettasse, i fondi verranno restituiti interamente ai donatori.