40enne morto dopo tuffo in piscina in hotel del Ravennate

1 mese fa
9 Agosto 2020
di redazione

40enne morto dopo tuffo in piscina in hotel del Ravennate. Un quarantenne di origine albanese è morto questa notte in seguito a un tuffo in piscina in un hotel-residence di Lido di Savio, sul litorale Ravennate.

L’episodio si è verificato attorno alle 23 quando l’uomo, che si trovava a bordo piscina con alcuni familiari e amici, si è tuffato ed è notato poco dopo in acqua ormai esanime.

Vani tutti i tentativi di rianimarlo. Secondo le prime ipotesi, il decesso potrebbe essere legato a un trauma cranico.

Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 e i Carabinieri della vicina Stazione di Savio.

Finiscono davanti a salto roccia 150 m., soccorsi nel Bolognese

Brutta avventura nel pomeriggio e nella serata di ieri, per due giovani – un ragazzo di 28 anni residente a Poggio a Caiano, nel Pratese e una ragazza di 24 anni residente a Lizzano in Belvedere, nel Bolognese.

Finiscono, seguendo tracce di animali, davanti a un salto di roccia di 150 metri nella zona del Monte della Riva sull’Appennino Bolognese. Sono salvati dagli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico dell’Emilia-Romagna.

Partiti nel primo pomeriggio da Rocca Corneta, una frazione del comune di Lizzano in Belvedere i due volevano raggiungere Trignano, un paese già nel comune di Fanano, nel Modenese, quando – insieme ai loro cagnolini di piccola taglia – ritornati indietro hanno cominciato a scendere seguendo dei sentieri che corrono sul monte della Riva.

Giunti in prossimità del Pizzo di Campiano i due sono finiti, inavvertitamente, su tracce di animali e ad un certo punto si sono trovati davanti ad un salto di roccia di 150 metri.

Non sapendo più dove andare, scoraggiati e anche molto provati dalla fatica hanno chiamato il 118 per chiedere aiuto.

I due ragazzi – in buone condizioni ma impauriti – sono stati raggiunti dai soccorritori del Saer. Non volendo, i due, camminare su sentieri così esposti, stante anche l’oscurità scesa per l’ora tarda, i tecnici hanno fatto intervenire un elicottero dell’aeronautica militare.

Gli elicotteristi hanno portato il 28enne, la 24enne e i loro cani al campo sportivo di Rocca Corneta. Qui si sono recati anche i Carabinieri della stazione di Lizzano in Belvedere.