Ammazza la moglie in casa a coltellate
La palazzina del femminicidio. Nel riquadro: la 41enne Lilia Patranel
Cronaca

Ammazza la moglie in casa a coltellate

Ammazza la moglie in casa a coltellate. Un uomo è stato arrestato a Spinea, nel Veneziano, con l’accusa di aver ammazzato a coltellate la moglie Lilia Patranel.

Secondo quanto reso noto, il presunto omicida avrebbe agito dopo la mezzanotte di oggi, venerdì 23 settembre, per poi lanciare l’allarme intorno alle 5 di mattina. L’uomo è stato portato in caserma per l’interrogatorio.

Le forze dell’ordine sono impegnate nei rilievi del caso di femminicidio all’interno dell’abitazione familiare di via Mantegna. Stando a quanto riportato dalla stampa locale, la vittima, classe 1981, era mamma di un bimbo di soli 4 anni.

Con tutte le probabilità, il minore si trovava in casa al momento dell’omicidio, mentre l’uomo ammazza la moglie. Alla base del delitto vi sarebbe stata una lite per gelosia.

L’omicida non ha risposto alle domande durante l’interrogatorio

Il presunto killer si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio a cui è sottoposto in caserma. Toccherà ora agli inquirenti ricostruire con esattezza la dinamica dei fatti che hanno portato al femminicidio.

Per delineare quanto accaduto, gli agenti ascolteranno anche le testimonianze dei residenti del quartiere. Secondo quanto trapelato finora, i due vivevano da anni in via Mantegna con il loro bambino. Marito e moglie avevano però un rapporto segnato dai continui litigi.

Dopo aver ammazzato la moglie a coltellate, l’uomo sarebbe rimasto accanto al cadavere fino alle 5 del mattino. Presente anche il figlioletto della coppia, che è  affidato agli agenti delle forze dell’ordine.

Alle prime luci dell’alba il presunto killer avrebbe composto il numero dei carabinieri per confessare quanto accaduto. Il tutto è avvenuto al primo piano di una villetta condivisa con altre coppie.

Era una famiglia come le altre, hanno raccontato alcuni vicini di casa quando i militari sono accorsi sul posto per i primi rilievi, li vedevamo spesso giocare sotto casa“.

Alcuni inquilini che conoscevano meglio la vittima, però, sostengono di aver raccolto più volte le sue lacrime. “Suo marito era violento” hanno spiegato dopo l’accaduto. “Lei non sapeva cosa fare“. La donna aveva paura per l’incolumità del figlioletto e per quella di altre due figlie avute da un precedente matrimonio.


Condividi

Redazione L'inserto

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip

Allerta meteo gialla e arancione per domani
allerta meteo
Allerta meteo gialla e arancione per domani
Incidente stradale: con la moto fuori strada, muore 24enne
Albese con Cassano
Incidente stradale: con la moto fuori strada, muore 24enne
Karina Cascella
Elenoire Ferruzzi
Karina Cascella attacca la Ferruzzi: “Strumentalizza il suo orientamento”

linserto.it è partner di Smart eCommerce. La piattaforma editoriale e pubblicitaria per i siti ed i blog di informazione on-line. Smart eCommerce è curatore tecnologico e proprietario dei server che ospitano il sito. Smart eCommerce è curatore commerciale per la monetizzazione del traffico del sito. Chiedi info via e-mail ad adv@smartecommerce.it
Cambia la tua privacy