Barbara d’Urso silenzia Paolo Brosio: “Non puoi dare terapie”

Brosio si era lanciato in un duello medico-sanitario sul Covid con Matteo Bassetti
di redazione
1 settimana fa
5 Aprile 2021

Barbara d’Urso silenzia Paolo Brosio: “Non puoi dare terapie”. “Chiudete il microfono a Paolo Brosio. Sono costretta a farlo”. Barbara d’Urso dopo uno scontro col giornalista a Domenica Live, ieri 4 aprile, silenzia il giornalista.

Brosio si era lanciato in un duello medico-sanitario sul Covid con Matteo Bassetti. La nuova linea della d’Urso è drastica: “Nelle trasmissioni che conduco ognuno può raccontare la propria esperienza, ma nessuno deve invogliare le persone a dare le terapie.

Lo consento solo ai medici”, sbotta duramente la conduttrice tornata con il contenitore domenicale nel giorno di Pasqua. L’ultima parola la vuole Bassetti: “La gente muore per il cortisone dato troppo presto.

Basta parlare di protocolli. Fate la televisione, noi facciamo i medici”, si sfoga il direttore della Clinica Malattie Infettive del Policlinico San Martino di Genova.

Ma cosa è successo per arrivare alla “censura” brutale di Brosio?

Bassetti dopo essersi scontrato con Simona Ventura la settimana scorsa a #Cartabianca si trova in collegamento un altro ospite “ostile”, ovvero Paolo Brosio che mesi fa ha avuto il Covid. “Devo dire una cosa importante che ho sperimentato nei reparti ospedalieri di prima linea, parlando coi medici.

Ai primi sintomi è importante applicare subito il protocollo farmacologico…” esordisce il giornalista parlando di farmaci e terapie. Capita l’antifona Bassetti manifesta insofferenza: “Ancora la stessa storia”.

Il discorso di Brosio tra un’interruzione del medico a una della conduttrice è teso a spiegare che “la malattia se presa all’inizio, con il protocollo farmacologico dell’ospedale, con le punture di eparina…

La trombosi

Non si arriva alla trombosi negli alveoli polmonari… Ma fatemi parlare…”. La d’Urso non ci sta: “Non puoi dare in diretta terapie che possono essere date solamente dai medici. Io lo voglio sapere dal dottor Bassetti”, e minaccia di togliere l’audio a Brosio.

“Io ho grande rispetto di queste persone che fanno tv, ma fateci fare il nostro lavoro. Finiamola di parlare di protocollo giusto o sbagliato. La cura la dà il medico”, ribadisce Bassetti ma Brosio è incontenibile.

Fatemi parlare, continua a ripetere, ma la d’Urso è inflessibile. “Chiudete un secondo il microfono a Brosio”, chiede alla regia, ma il giornalista non si placa e Barbarella sbotta: “Chiudete il microfono, sono costretta a farlo.”

Poi il nuovo manifesto della d’Urso: “Nelle trasmissioni che conduco ognuno può raccontare la propria esperienza, ma nessuno deve invogliare le persone a dare le terapie, lo consento solo ai medici”. Non medico avvisato mezzo salvato.

Temi di questo post