Caltanissetta: si insedia la nuova dirigente alla DPA

sei in  Italia

4 settimane fa - 1 Settembre 2021

Caltanissetta: si insedia la nuova dirigente alla DPA. Stamattina in Questura si è insediata la nuova dirigente della Divisione Polizia Anticrimine. Si tratta del primo dirigente della Polizia di Stato Ema La Porta, cinquanta anni, pugliese, laureata in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Rom.

Sostituisce Patrizia Bilello trasferita a Catania. Ema La Porta è sposata con un appartenente della Polizia di Stato ed è mamma di due figli. E’ entrata a far parte della polizia dal 1994.

Al termine del corso per funzionari presso l’Istituto Superiore di Polizia, ha svolto tutta la sua carriera presso la Questura di Palermo, dove si è occupata di controllo del territorio quale funzionario addetto, prima presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e poi presso alcuni Commissariati sezionali.

Successivamente ha assunto l’incarico di funzionario addetto presso l’Ufficio di Gabinetto e, negli ultimi anni, ha assunto l’incarico di dirigente dell’Ufficio Tecnico Logistico Provinciale.

Il Questore Ricifari stamattina, nell’accogliere la dottoressa La Porta, le ha augurato un proficuo lavoro in un delicato settore come la​ Divisione Polizia Anticrimine​ che ha competenza in materia di misure di prevenzione personali e patrimoniali.

Non solo, ma anche in analisi strategica dello studio e del supporto investigativo nell’attività propositiva, nonché in materia di attività informative per l’applicazione e la proroga dello speciale regime detentivo.​

Patrizia Bilello, dirigente della Divisione dal settembre dal 2018 è stata trasferita all’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima ed Aerea di Catania, sempre in Sicilia.

Vanessa Miceli

Raffica di sbarchi nella notte a Lampedusa, hotspot sempre al collasso

Non si fermano gli sbarchi a Lampedusa Sono 191 i migranti arrivati, con 7 diverse imbarcazioni, durante la notte. Gruppetti che sono andati ad aggiungersi a quelli, altri 7 sbarchi con 128 persone, giunti ieri.

All’hotspot di contrada Imbriacola ci sono, al momento, circa 920 ospiti. A intercettare i barchini sono state le motovedette della Capitaneria e delle Fiamme gialle che hanno prima salvato, a 6 miglia e mezzo, 69 tunisini, fra cui 33 donne e 12 minori.

Poi, a 13 miglia, è stato soccorso un barcone con 40 persone, fra cui 2 donne; mentre il pattugliatore della Guardia di finanza soccorreva altri 19 subsahariani, fra cui 2 minori e 6 donne.

A 10 miglia è stato invece agganciato un barchino con 26 tunisini e poi 5 migranti sono stati ritrovati sull’isolotto di Lampione e altri 20, fra cui 4 minori e 8 donne, sono stati intercettati a 7 miglia.

Sono giunti, infine, direttamente a molo Madonnina, 12 tunisini che sono trovati direttamente sulla terraferma dai finanzieri. Per i migranti, dopo il consueto triage sanitario, è disposto il trasferimento nell’hotspot di contrada Imbriacola dove attualmente si trovano più di 900 ospiti.

Caltanissetta: si insedia la nuova dirigente alla DPA
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST caltanissetta Oggi