Carlo Verdone durissimo sfogo sui social: “Tanta rabbia…”

2 Novembre 2023 - 15:07

Carlo Verdone durissimo sfogo sui social: “Tanta rabbia…”

Carlo Verdone durissimo sfogo sui social: “Tanta rabbia…”. L’attore Carlo Verdone si è recentemente espresso su Facebook riguardo alla chiusura del teatro Piccolo Eliseo a Roma. Nel suo lungo post, ha descritto la sua esperienza nel visitare di nuovo il teatro, che ha definito un luogo di grande cultura ormai dimenticato

Chiuso da inferriate con i lucchetti, privo di programmazioni e botteghino. Carlo Verdone ha espresso la sua tristezza riguardo alla sorte di questo e di altri teatri abbandonati, che ritiene fondamentali per la promozione della cultura e delle arti

Lo sfogo di Carlo Verdone

Roma. Teatro Piccolo Eliseo. Ultimo sopralluogo prima di tornare sul set tra pochissimi giorni. Rivisitare questo spazio teatrale mi ha veramente commosso. Qui c’è stata la mia breve attività sul palcoscenico in uno spazio importante durato due anni. Due stagioni : 80 e 81. Vennero grandi attori, registi, scrittori. Non sapevo cosa stava accadendo nella mia vita. Sempre esaurito. Tranne una sera due posti in terza fila centrali vuoti.

Dentro di me dissi: “Non trova posto il sindaco, Craxi, Forlani e questi neanche avvertono…” In realtà quella sera Barbara Piattelli fu rapita mentre veniva a vedermi. Mi prese un accidente. Per tre sere recitai con un gran dolore fino a quando non sospesi lo spettacolo un sabato sera dopo appena cinque minuti. Persi completamente la voce davanti a Ugo Tognazzi, Zeffirelli, Sarah Ferrati, Baudo, Romolo Valli e tanti altri.

Sputai nel lavandino del mio camerino e uscì sangue. Avevo le corde vocali distrutte dallo sforzo nel fare 16 personaggi diversi. Dopo 5 giorni di silenzio totale e di fiale di cortisone ripresi. Mi vergognai molto ma avevo spinto troppo, in modo sconsiderato.

Continua Carlo VerdoneSaltai un riposo e feci uno spettacolo per loro che tornarono tutti. E cercai di dare il massimo. Se avessi avuto una mentalità teatrale avrei continuato con quello spettacolo. Avrei avuto tutte le piazze d’ Italia. Ma il problema era che dormivo molto poco, (non più di 4/5 ore) in quegli anni e faticavo tanto a ripetere ogni sera le stesse battute, lo stesso copione.

Era alienante. Anche se il pubblico pensava che mi divertissi tanto. Non ero fatto per il teatro anche se ci riuscivo benissimo. Peccato. Un vero peccato.  Tornare all’ Eliseo grande e a quello piccolo e trovarli vuoti, senza programmazioni, senza alcun botteghino, chiusi da inferriate con i lucchetti mi ha fatto rabbia. Abbiamo tanti bravi attori, nuovi autori, nuovi registi, perché gettare nel dimenticatoio luoghi di gran cultura?

E oltre l’Eliseo potrei citare una marea di teatri in stato di abbandono. Chiusi, quasi dimenticati per le nuove generazioni. No. Non si fa’. Questa è ormai una città grande, ma non più una grande città. Perdonate lo sfogo e la lunghezza del post, ma è così. Qualche uomo illuminato intervenga prima che tutto diventi l’ennesimo centro commerciale. C’ è poco tempo! Buona serata a tutti. Carlo Verdone

  •  

Redazione

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip