Cisterna di Latina: finanziere ammazza la sorella e la mamma della fidanzata che riesce a scappare

La tragedia ha colpito ancora una volta la zona di San Valentino a Cisterna di Latina

Pubblicato il

Cisterna di Latina: finanziere ammazza la sorella e la mamma della fidanzata che riesce a scappare

Cisterna di Latina: finanziere ammazza la sorella e la mamma della fidanzata che riesce a scappare. L’uomo è stato fermato dagli agenti della Squadra Mobile a Latina. La tragedia ha colpito ancora una volta la zona di San Valentino a Cisterna di Latina.

Un uomo, in un pomeriggio nefasto come il martedì 13 febbraio, ha perpetrato un duplice femminicidio, uccidendo la sorella della fidanzata e la madre delle ragazze.

Le due donne, Reneé Amato e Nicoletta Zamparelli, non hanno avuto scampo nonostante l’arrivo tempestivo dei soccorsi. Questa zona, già segnata dalla morte di Elisa Ciotti e dalla tragedia che ha colpito Desirée Mariottini, ha dovuto ancora una volta assistere impotente di fronte alla furia dell’odio e della violenza.

La fidanzata del sospettato è riuscita a salvarsi, sebbene lo shock e la paura resteranno con lei per sempre. È un altro lutto che piomba sul nostro paese, un altro atto di violenza inaccettabile che ci ricorda quanto sia importante lottare per la protezione delle donne e la prevenzione di questi terribili crimini.

Bloccato il presunto assassino

La Squadra Mobile ha bloccato il presunto assassino in azione. Si dice che il finanziere di soli 29 anni, Christian Sodano, abbia aperto il fuoco contro due donne all’interno della loro casa a Cisterna di Latina, uccidendole.

Ma fortunatamente la polizia lo ha acciuffato poco dopo a Latina, prima che potesse scappare. Non è ancora chiaro cosa abbia spinto Christian Sodano a commettere un tale orrore, ma le forze dell’ordine stanno indagando con ogni mezzo per scoprirlo.

Si dice che una discussione con la sua fidanzata abbia scatenato l’attacco. Quando la sorella e la madre della ragazza hanno cercato di intervenire, Christian Sodano le ha aggredite e ha estratto la sua pistola, sparando senza pietà.

Ora il destino del sospettato è incerto, ma una cosa è chiara: ci troviamo di fronte ad una terribile tragedia che ha toccato molte vite. Restiamo uniti in questo momento difficile e preghiamo per le vittime e per le loro famiglie. (Immagine di repertorio)

  •  

Redazione

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip

Modifica le impostazioni GPDR