Concorsi pubblici: bando per 52 assunzioni per la Corte dei Conti e l’Avvocatura dello Stato

1 mese fa
8 Agosto 2020
di redazione

Concorsi pubblici: bando per 52 assunzioni per la Corte dei Conti e l’Avvocatura dello Stato. Il concorso, per esami, andrà a reclutare 52 unità di personale caratterizzate da specifica professionalità con orientamento giuridico, finanziario e contabile.

Saranno da inquadrare nell’area funzionale terza – fascia retributiva F1 – che sarà destinato ad esigenze funzionali degli uffici centrali e territoriali della Corte dei Conti e dell’Avvocatura dello Stato.

Nel dettaglio, i 52 posti a concorso saranno così ripartiti: 40 posti presso la la Corte dei Conti, 12 presso l’Avvocatura dello Stato. Il 30% dei posti previsti per la Corte dei Conti, però, sarà riservato al personale di ruolo dell’Amministrazione, così come pure il 50% dei posti previsti presso l’Avvocatura.

Trattandosi di una fascia retributiva F1, per i neoassunti ci sarebbe uno stipendio di circa 1.600,00€ netti. Ecco perché si tratta di un’opportunità di lavoro che interesserà molti.

Tuttavia per partecipare al nuovo concorso pubblico per la Corte dei Conti e l’Avvocatura dello Stato sono previsti dei requisiti che ne riducono la platea dei potenziali candidati.

Concorso Corte dei Conti e Avvocatura dello Stato: chi può partecipare?

Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei requisiti generalmente previsti per i concorsi pubblici. Godimento dei diritti politici, come pure il non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione.

Inoltre, possono partecipare solamente coloro che sono cittadini italiani, o comunque in possesso della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea.

Per inviare la propria candidatura, inoltre, è necessario il possesso perlomeno della laurea triennale nelle seguenti classi di laurea.

Scienze economiche (L33); Scienza dell’economia e gestione aziendale (L18); Scienze dei servizi giuridici (L-14); anche Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione (L-16); Scienze politiche e delle relazioni internazionali (L-36).

In alternativa, si può partecipare con la laurea magistrale appartenente ad una delle seguenti classi.

Scienze dell’economia (LM-56); Scienze economico – aziendali (LM 77); Giurisprudenza (LMG-01); Scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63); Relazioni internazionali (LM-52); Scienza della politica (LM-62).

Va bene anche una laurea specialistica o magistrale, come pure un diploma di laurea, purché equiparati ai suddetti titoli.

Concorso pubblico Corte dei Conti e Avvocatura dello Stato: le prove

Il concorso partirà da una prova preselettiva, sulle materie previste per le prove scritte, qualora il numero delle domande dovesse essere superiore ad 800.

Dopodiché ci saranno due prove scritte e una prova orale. La prima prova scritta, della durata di 8 ore, consiste nello svolgimento di un elaborato con due risposte.
La seconda prova scritta, invece, avrà durata sei ore e consiste nello svolgimento di un elaborato in materia di contabilità pubblica.

All’orale, invece, alle materie oggetto delle prove scritte – e della preselettiva – si aggiungono anche altre materie.