Coronavirus Campania: i dati di oggi 6 settembre 2021

sei in  Italia

2 settimane fa - 6 Settembre 2021

Coronavirus Campania: i dati di oggi 6 settembre 2021. Sono 192 i nuovi casi di Coronavirus che si sono registrati in Campania nelle ultime 24 ore, resi noti dal bollettino odierno, quello di lunedì 6 settembre 2021.

Diramato come di consueto dall’Unità di Crisi della Protezione Civile regionale, mentre sono 10.248 i tamponi analizzati in totale. Il tasso di positività – vale a dire il rapporto tra i test risultati positivi su quelli analizzati – si attesta oggi al 1,87%.

In netto calo rispetto a ieri (3,21%), anche se bisogna considerare che sono stati analizzati molti meno tamponi. Infine, si registrano purtroppo anche 11 decessi: come rende noto l’Unità di Crisi della Campania.

Nove si sono verificati nelle ultime 48 ore, mentre gli altri due si sono verificati in precedenza ma sono stati registrati soltanto ieri. Questi i dati aggiornati alle ultime 24 ore sull’andamento della pandemia di Coronavirus in Campania.

Situazione ricoveri

Per quanto riguarda la situazione dei ricoveri negli ospedali regionali e la pressione sul sistema sanitario, si registra oggi, per fortuna, una diminuzione nel numero dei posti letto occupati nei reparti di terapia intensiva e in quelli di degenza ordinaria Covid.

In terapia intensiva sono 28 le persone ricoverate, vale a dire tre in meno di ieri, mentre in degenza ordinaria sono 351 i ricoverati, ovvero ben 18 in meno di ieri. Ecco, di seguito, il report sullo stato di occupazione dei posti letto negli ospedali campani, diramato dall’Unità di Crisi regionale.

Posti letto

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656, posti letto di terapia intensiva occupati: 28. Letti di degenza disponibili: 3.160 (posti letto Covid e offerta privata) e posti letto di degenza occupati: 351.

Quali Regioni rischiano la zona gialla: i dati su incidenza, ricoveri e terapie intensive

La Sicilia resterà in zona gialla, ma non è detto che non possa essere raggiunta presto anche da altre Regioni. Gli ultimi dati sull’incidenza e sull’occupazione dei posti letto nei reparti Covid e in terapia intensiva fanno intravedere luci e ombre.

Da una parte ci sono alcuni territori che sembrano fuori, almeno per il momento, dal rischio di perdere la zona bianca, mentre dall’altra qualcuno rischia di andare incontro a nuove restrizioni.

Sono tre i criteri che comportano il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla. Si hanno maggiori restrizioni quando l’incidenza supera i 50 casi ogni 100mila abitanti, l’occupazione delle terapie intensive è sopra il 10% e quella dei reparti di area medica supera il 15%.

Condizioni già raggiunte dalla Sicilia, ma che anche Sardegna e Calabria potrebbero raggiungere. Vediamo quali sono le Regioni più a rischio basandoci sugli ultimi dati forniti da Agenas.

I dati sull’incidenza: meno Regioni rischiano zona gialla

I dati sull’incidenza rilasciati da Agenas sono aggiornati al 5 agosto e riguardano la settimana appena trascorsa. A livello nazionale il valore si attesta a 69,12, in calo rispetto ai sette giorni precedenti.

La maggior parte delle Regioni continua quindi ad avere un’incidenza che comporta un rischio di zona gialla, ma alcune sono invece scese sotto la soglia dei 50 casi settimanali. Non rischiano, per il momento, di perdere la zona bianca: Abruzzo, Campania, Lazio, Lombardia, Molise, Trento, Piemonte, Puglia e Valle d’Aosta.

In generale sono molti i territori in cui l’incidenza è in calo rispetto alla settimana precedente, mentre la crescita è circostanziata a poche Regioni e spesso in maniera lieve.

Rischio zona gialla: i dati di ricoveri e terapie intensive

Per quanto riguarda l’occupazione dei posti letto in ospedale, siamo al 6% sulle terapie intensive e al 7% sui ricoveri in area medica a livello nazionale. Da tenere d’occhio la Sardegna, dove è aumentata l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva (già oltre la soglia), ma si resta ancora al 14% (un punto sotto il limite) per quanto riguarda l’area medica.

Considerando questi dati il rischio di un ulteriore peggioramento nelle prossime ore per l’isola è concreto e l’ipotesi della zona gialla dalla prossima settimana non può essere escluso. Altra Regione a rischio è la Calabria, dove le intensive sono occupate all’8%, ma i ricoveri hanno già superato la soglia.

Bisogna quindi evitare un aumento del 2% dei ricoveri in rianimazione per rimanere in zona bianca. Nessun’altra Regione sembra vicina ai valori soglia, anche se sono ugualmente monitorati alcuni dati come quelli di Toscana, Umbria, Marche e Campania.

In ogni caso gli aumenti registrati negli ultimi giorni in quasi tutte le Regioni sembrano non essere particolarmente preoccupanti, almeno non nell’immediato.

Coronavirus Campania: i dati di oggi 6 settembre 2021
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST campania contagi coronavirus covid Oggi