Cronaca: arrestato ex poliziotto stalker del bomber Quagliarella


Cronaca: arrestato ex poliziotto stalker del bomber Quagliarella

Cronaca. Polizia e carabinieri lo hanno rintracciato nei pressi di casa sua. Avevano tra le mani un ordine di carcerazione emesso dalla Corte d’Appello di Napoli. Quattro anni e otto mesi da scontare in un penitenziario protetto perchè Raffaele Piccolo, 54 anni, è un ex agente della polizia postale originario di Castellammare di Stabia. Lui è lo stalker del calciatore stabiese Fabio Quagliarella, e ha provato a farlo anche con altri imprenditori e con Guido Lembo, il cantante e proprietario di un noto locale dell’isola di Capri.

Atti persecutori, calunnia e sostituzione di persona

I giudici lo hanno ritenuto responsabile di atti persecutori, calunnia e sostituzione di persona. Un incubo quello vissuto da Quagliarella che all’indomani della condanna in secondo grado dell’uomo il 21 febbraio 2017 invio’ un video messaggio a tutti i tifosi del Napoli. Perché l’attaccante arrivò nella squadra di De Laurentiis nel pieno della sua carriera da calciatore e all’ombra del Vesuvio ci sarebbero voluto restare per sempre. Ma l’anno dopo, era il 2010, il patron del Napoli lo cedette alla Juventus generando più di un malumore tra i tifosi azzurri.


False voci su Quagliarella

Su Quaglieralla si addensavano brutte voci: di commistioni con la camorra, di festini, di tradimenti. Erano voci false che Raffaele Piccolo avevano creato ad hoc inviando anche lettere alla sede del Napoli. I due si conobbero nel 2000 perchè il calciatore voleva risolvere un problema al cellulare e chiese aiuto all’amico poliziotto. Da qual momento inizio’ l’incubo. Le minacce erano tutte anonime e Quagliarella sporgeva continue denunce ma le faceva all’amico agente di polizia che puntualmente non le trasmetteva. Questo fino al 2010, quando aveva iniziato a capire qualcosa, e si rivolse direttamente alla Procura. Quando i tifosi del Napoli seppero quale era stato il motivo del suo allontanamento dalla squadra, omaggiarono il campione con applausi e striscioni in curva con i quali chiedevano scusa per gli insulti ripetuti per anni, ad ogni partita nella quale lo si vedeva indossare la maglia della rivale Juventus.



Condividi adesso


Redazione L'inserto

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip