L'inserto
Chiudi

Sezioni

Argomenti

Trend

Spettacolo e Tv

Città

Cura della pelle a uso domestico: spopolano i dispositivi. Perché?

Pubblicato il 25 Gennaio 2023 - 11:30

Cura della pelle a uso domestico: spopolano i dispositivi. Perché?

Cura della pelle a uso domestico: spopolano i dispositivi. Perché? Analizziamo la scienza alla base della terapia della luce LED da fare in casa, della microcorrente e della crioterapia.

Una nuova frontiera

Quanto amiamo i nostri rituali di cura della pelle. Dalle nostre amate maschere in tessuto, agli eye patches da applicare sul contorno occhi e ai rulli di giada da usare sul viso, ne abbiamo di ogni dimensione e forma.  La nuova frontiera sono i dispositivi per la cura della pelle fai-da-te per il miglioramento della nostra skincare e della cura dei nostri volti.

Sebbene amiamo ancora fare trattamenti per il viso, l’evoluzione della tecnologia per la cura della pelle a casa, dalle maschere LED e ai dispositivi a microcorrente, non mostra segni di rallentamento.

Questi dispositivi casalinghi e di facile utilizzo ci danno la libertà di eseguire molti dei trattamenti fai-da-te tradizionalmente riservati a professionisti qualificati. Le maschere facciali a LED rosse e blu migliorano l’acne.

E gli strumenti portatili caricati da microcorrente scolpiscono il nostro volto, facendo risaltare gli zigomi. Gli esperti di cura della pelle incoraggiano l’uso di questi dispositivi anche per accelerare la guarigione di alcuni trattamenti eseguiti in salone come il laser o il nano-needling.

Un mercato in crescita

C’è chi sostiene che questa crescita della tecnologia da usare in casa per la cura della pelle, così come molte altre tendenze di bellezza, non sia che un sottoprodotto della pandemia. Non potendo andare in salone, si è cercato di ricreare trattamenti tipicamente eseguiti in ambienti professionali da utilizzare, invece, nel comfort del proprio bagno.

Certamente il comfort e la convenienza nel prendersi cura di sé sono fattori importanti. Quindi la facilità con cui i dispositivi per la cura della pelle offrono risultati impressionanti a casa li rende degni di diventarne clienti abituali.

Inoltre l’abbinamento di questi dispositivi con prodotti per la cura della pelle altamente concentrati e con principi attivi, come creme rassodanti o sieri liftanti, donano risultati incredibili e rapidi.  Con risultati subito visibili, è più probabile che i clienti continuino a dedicarsi all’uso di questi strumenti.

Ma i dispositivi per la cura della pelle fai-da-te sul mercato sono in continua evoluzione, rendendo difficile determinare esattamente cosa fa ciascuno di essi, come lo fa e se funziona o meno. I professionisti concordano sul fatto che gli strumenti più popolari e utili sul mercato siano quelli che utilizzano luci a LED, microcorrente e crioterapia.

Terapia a luce LED

La fototerapia a LED (conosciuta anche come LED light therapy) utilizza diverse lunghezze d’onda della luce, comprese le frequenze della luce rossa e blu, per combattere i problemi della pelle tra cui l’acne e l’infiammazione.

La luce rossa tratta l’epidermide (lo strato più esterno della pelle), che assorbendo questa luce inizia a stimolare le proteine ​​del collagene. Più il collagene è attivo nella pelle, più appare carnosa e liscia, il che significa che le rughe e le linee sottili saranno meno visibili.

La luce blu è diretta alle ghiandole sebacee (ghiandole sebacee) situate sotto i follicoli piliferi che, se iperattive, possono causare pelle più grassa e acne. Per rimediare agli sfoghi, la luce blu penetra nella pelle e rallenta queste ghiandole iperattive.

Inoltre, può anche distruggere i batteri che causano l’acne. Migliora il tono e la consistenza della pelle, riduce gli sfoghi e le riacutizzazioni e aiuta a rassodare e illuminare in generale, ma può essere utilizzata anche per stimolare la guarigione dopo procedure come il laser.

Microcorrente

Per quanto riguarda la tecnologia alimentata dalla microcorrente, ciò che si sperimenta durante l’uso di questi dispositivi è un’erogazione indolore e ripetuta di correnti elettriche di basso grado che imitano il flusso ionico naturale del corpo e risvegliano i muscoli facciali.

Sono strumenti pensati per donare una sorta di lifting a casa, senza dover passare dal chirurgo. Utilizzando un dispositivo di “allenamento” facciale in modo frequente, vengono stimolati i muscoli facciali ad aiutare a tonificare e sollevare la pelle, inoltre consente ai prodotti che verranno applicati  in seguito di lavorare meglio.

Crioterapia

La crioterapia è una tecnica lenitiva che restringe il flusso sanguigno per calmare la pelle, mentre regola la circolazione e restringe i pori. L’alternativa antinfiammatoria casalinga ai trattamenti facciali criogenici clinici (dove è coinvolto l’azoto liquido) richiede spesso la conservazione degli strumenti in un congelatore.

Le temperature gelide provocano la contrazione dei vasi sanguigni, quindi una volta che la pelle ritorna alla sua temperatura normale, questi vasi si dilatano rapidamente e aumentano il flusso di sangue e ossigeno al viso.

Questo cambio di temperatura improvviso favorisce l’aspetto di una pelle più luminosa, tesa e luminosa e anche meno gonfia. Molti dei dispositivi disponibili per l’uso domestico mirano a più problemi della pelle contemporaneamente (il che può limitare la spesa per diversi dispositivi), come alcuni che combinano i vantaggi della crioterapia con l’effetto del gua sha, una pietra di giada utilizzata per liftare il volto.

Tecnologia da usare con criterio

Nello sperimentare questi dispositivi, dobbiamo ricordare che si tratta di vere e proprie macchine tecnologiche. Ciò significa che possono esserci conseguenze se utilizzate in modo improprio. Motivo per cui è consigliabile rivolgersi a un professionista che dimostri come utilizzarli al meglio per ottenere risultati ottimali.

Per non parlare del fatto che i dispositivi per la cura della pelle dovrebbero essere mantenuti puliti per evitare di causare sfoghi e introdurre batteri, specialmente se è uno strumento che esfolia, abrade o perfora la pelle (pensiamo ai rulli derma microneedling, con aghi usati per la stimolazione di collagene).

È sempre meglio consultare il proprio estetista per consigli su eventuali dispositivi che potrebbero entrare in conflitto con problemi di salute o altre procedure effettuate. Ad esempio, se si utilizza filler o botox sul viso, si consiglia di attendere due settimane prima di prendere in mano un dispositivo a microcorrente.

Infine, non bisogna riporre tutte le nostre aspettative su questi dispositivi. Gli strumenti di bellezza e la cura della pelle sono solo una parte del puzzle, per ottenere una pelle migliore, dobbiamo pensare a un organo con un’intera entità.

Ciò significa che dobbiamo guardare alla salute generale, al sonno, all’alimentazione, usando la corretta prescrizione per la cura della pelle e, infine, l’impegno. Questi sono elementi importanti per risultati duraturi.

Paola De Palma

Redazione L'inserto

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip

Continua la lettura