Ford Kuga PHEV: rischio incendio per migliaia di unità

2 mesi fa
12 Agosto 2020
di redazione

Ford Kuga PHEV: rischio incendio per migliaia di unità. Ford Kuga PHEV è sicuramente una delle versioni della celebre vettura che più sta ottenendo successo sul mercato, come dimostrano i dati di vendita sempre molto positivi a livello globale per l’auto di Ford.

Nelle scorse ore però è annunciato un richiamo che riguarda le Kuga PHEV costruite tra il 1 ° luglio 2019 e il 5 giugno 2020.

Questo in quanto alcuni esemplari sarebbero a rischio incendio per un difetto di fabbricazione.

Ford Kuga PHEV richiamate oltre 27 mila unità per rischio di incendio

Ford ha confermato che il difetto che potrebbe causare un incendio, potrebbe verificarsi «quando il veicolo è parcheggiato e incustodito».

Sarebbero oltre 27 mila le Ford Kuga PHEV interessate da questo problema che ha costretto la casa americana ad effettuare un richiamo.

Al momento non si segnalano incidenti o feriti provocati da questo malfunzionamento ma ovviamente, come sempre accade in questi casi, la casa automobilistica invita alla cautela i clienti possessori di questi veicoli.

In attesa di comunicare come e quando avverrà la riparazione Ford ha suggerito ai proprietari delle Ford Kuga PHEV interessate dal problema di evitare di ricaricare l’accumulatore dell’auto.

E’ stato anche consigliato di non parcheggiare l’auto dentro un garage chiuso in quanto nel caso di incendio la situazione si potrebbe aggravare.

Al momento non sappiamo quale sia il motivo di questo problema che può causare un incendio e non sappiamo nemmeno come Ford intenda risolverlo.

Sicuramente nelle prossime settimane a queste e altre domande arriveranno le risposte ufficiali di Ford che comunque ha assicurato ai suoi clienti di risolvere il problema nel minor tempo possibile e come sempre avviene in questi casi a titolo completamente gratuito.

Infine segnaliamo che il richiamo in questione non riguarda una zona specifica ma interessa le auto vendute da Ford a livello globale. (Fonte money.it)

temi di questo post