Social

Giorgio Marchese, maresciallo della finanza, si è tolto la vita

Pubblicato il 23 Novembre 2022 - 18:15

Giorgio Marchese, maresciallo della finanza, si è tolto la vita

Giorgio Marchese, maresciallo della finanza, si è tolto la vita. L’ennesimo suicidio nell’ambito delle forze armate ha funestato la serata di ieri a Portogruaro, in provincia di Venezia. Il corpo del maresciallo della finanza Giorgio Marchese, è trovato sena vita nella sua abitazione.

Nonostante l’immediata richiesta di soccorso arrivata ai sanitari, i soccorritori non hanno potuto fare nulla per salvare la vita al militare. La centrale operativa ha inviato sul posto un equipaggio del 118.

I sanitari hanno provato a rianimare Giorgio Marchese, ma alla fine si sono dovuti arrendere all’evidenza costatandone il decesso. Ora sono scattate le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Pordenone.

Le indagini dovranno determinare le cause della morte. In tal senso, non è escluso che possa essere disposto sul corpo del finanziere 45enne l’esame autoptico che sarà eseguito dal medico legale incaricato dalla Procura della Repubblica.

Lo sfogo sul gruppo Facebook Osservatorio suicidi in divisa (OSD)

“Così come è arrivata alla mia Sezione io la giro a questo gruppo… Buongiorno a tutti cari ragazzi. Vi porto a conoscenza del fatto che, ahimè, ieri sera un altro collega si è tolto la vita. Era in servizio qui a Portogruaro.


Qui siamo tutti molto tristi e chi, come me, lo conosceva da tanti anni è davvero addolorato e scosso. Si chiamava Giorgio Marchese, aveva frequentato il 73* corso AA.MM.. era calabrese ed aveva 45 anni….

Era stato posto in aspettativa da circa un mese perché aveva avuto dei problemi psicologici e, come spesso capita, la nostra amm/ne in questi momenti non ti aiuta ma, anzi, ti lascia solo e non si pone alcun problema nel chiedersi come aiutare l’uomo sotto la divisa, la persona, non il collega se è idoneo al servizio o meno.

Ma il servizio di supporto psicologico c’è davvero? E a cosa serve? Non doveva finire così! Lui era solo, non aveva moglie o compagna né figli e tutta la sua vita era la caserma, il “suo” Nucleo Mobile……e proprio per questo andava seguito ed aiutato.

Invece, la nostra SS.GG., ti mette in aspettativa e se ne fotte. Spero che la sua anima riposi in pace.🙏🏼 Scusate lo sfogo, ma non doveva finire così. Quando un collega, una persona, si toglie la vita così, perdiamo tutti! Ciao ragazzi.”


Redazione L'inserto

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip