Giovane 19enne si toglie la vita gettandosi in un dirupo

di redazione
3 settimane fa
23 Marzo 2021

Giovane 19enne si toglie la vita gettandosi in un dirupo. Nella serata di oggi, l’Irpinia è sconvolta da una terribile notizia. Un giovane di appena 19 anni si è tolto la vita. Stando a quanto riporta la cronaca locale, che riporta la notizia, il ragazzo ha deciso di farla finita gettandosi in un dirupo a Carife, in provincia di Avellino.

La salma è stata trasferita presso l’obitorio di Benevento

La tragedia è avvenuta lungo la strada statale nei pressi del cimitero. Il ragazzo, originario di Castel Baronia, sempre in provincia di Avellino, si era allontanato dalla sua abitazione appena qualche ora prima.

Sul posto, oltre ai carabinieri e ai vigili del fuoco, è giunta anche una ambulanza del 118, ma per il 19enne, ormai, non c’era più niente da fare. La salma è trasferita presso l’obitorio di Benevento su disposizione della magistratura per i relativi accertamenti medico legali.

Scomparsi in Messico: Russo, vogliamo sapere dove sono

Più volte ha pianto e più volte ha chiesto di sapere dov’erano i suoi familiari, Francesco Russo, durante la deposizione al processo sulla scomparsa del padre Raffaele, del fratello Antonio e del cugino, Vincenzo Cimmino, di cui si sono perse le tracce in Messico il 31 gennaio 2018.

Al processo in corso sono imputati tre dei quattro agenti che quel giorno prelevarono  i due uomini Antonio Russo e Vincenzo Cimmino per consegnarli al cartello criminale Càrtel Jalisco Nueva Generación.

L’udienza ha preso il via ieri, intorno alle 17 (ora italiana), nella città di Ciudad Guzmàn, nello stato messicano di Jalisco. Dopo la sospensione decisa dal giudice alle 22,45 (ora italiana) di ieri, l’udienza è ripresa oggi alle 17,30, con la deposizione dell’unico testimone italiano.

Il testimone

Francesco, in video collegamento dalla sede del consolato onorario del Messico di Napoli, dove è giunto accompagnato dall’avvocato Luigi Ferrandino e dall’interprete, ha esposto i fatti di cui è a conoscenza e poi risposto alle domande che gli sono state rivolte.

E’ anche ascoltato (e tradotto in spagnolo) l’audio, l’ultimo inviato in chat dal fratello Antonio, con il quale informava i suoi congiunti su cosa stava succedendo a lui e Vincenzo: “Stiamo facendo benzina e ci ha fermato la polizia, ci hanno detto di seguirli, abbiamo una moto avanti ed una macchina ci segue”.

Da quel momento in poi, di loro non si è più saputo nulla. “Spero e sono sicuro – ha detto ancora in lingua spagnola Francesco Russo – che i miei familiari sono vivi e che stanno in un campo a lavorare… ma se non sono in vita, noi vogliamo saperlo”.

“La forza, la grinta e la tenacia di Francesco Russo – ha detto l’avvocato Claudio Falleti, legale delle famiglie, che seguiva l’udienza dal suo studio legale di Alessandria – ha tenuto alta l’attenzione dei giudici e della procura a tal punto che gli avvocati della difesa hanno rinunciato all’esame del teste.

E’ evidente che Francesco ha fornito così tanti elementi da far desistere la difesa nel porre altre domande. Siamo certi che verrà fatta giustizia su questo caso che da tre anni ci tiene appesi a una speranza”, ha concluso Falleti.