Grave lutto per la famiglia di Romina Power, è morta Taryn

2 settimane fa
27 Giugno 2020
di redazione

Grave lutto per la famiglia di Romina Power, è morta Taryn. La notizia l’ha data Romina Power, attraverso Instagram. Sua sorella Taryn, 67 anni, è morta nella sua casa del Wisconsin ieri sera, a causa di una leucemia. Malattia contro la quale combatteva da un anno e mezzo. Bellissima, attrice in otto film durante la giovinezza. Era la secondogenita del grande divo di Hollywood Tyrone Power e della seconda moglie Linda Christian.

La sua vita

Nata nel 1953, aveva avuto un flirt con Richard Chamberlain. Madre di quattro figli, nonna di altrettanti nipoti. Aveva frequentato per anni la tenuta di Cellino San Marco dove la sorella viveva con il marito Albano. Negli anni Settanta si era parlato di un flirt con Franco Carrisi, fratello del cognato. Flirt che è stato recentemente smentito. Domani era prevista la partecipazione di Romina Power a Domenica In.

La carriera nel cinema

La sua carriera cinematografica fu breve e discontinua, avendo recitato in soli otto film (i primi due in spagnolo, il resto per lo più in lingua inglese). I suoi ruoli più importanti furono quello di Valentine De Villefort nel film Il conte di Montecristo (1975) con Richard Chamberlain, Donald Pleasence e Tony Curtis.

E quello di Dione in Sinbad e l’occhio della tigre (1977), interpretato con Patrick Wayne e Jane Seymour, per cui ottenne una nomination ai Saturn Award. In Italia partecipò al grottesco Bordella di Pupi Avati (1976).

Apparve saltuariamente in televisione, nelle serie Nel tunnel dei misteri con Nancy Drew e gli Hardy Boys (1977) e Matt Houston (1985). Abbandonata la carriera di attrice negli anni Novanta per dedicarsi alla famiglia. Si trasferì da Los Angeles in una fattoria nella riserva indiana dei Winnebago, nel Wisconsin, dove lavorò come insegnante di sostegno per i ragazzi disabili all’interno di una struttura pubblica. Ritornò un’ultima volta sul set nel 2019, in Italia, per il film Sulle mie spalle di Antonello Belluco.