Guendalina Tavassi: “Mi hanno hackerato il telefono, sopra video spinti con mio marito”

2 settimane fa
21 Novembre 2020
di redazione

Guendalina Tavassi: “Mi hanno hackerato il telefono, sopra video spinti con mio marito”. Guendalina Tavassi ha appena comunicato su Instagram tramite delle stories piuttosto concitate che le è stato hackerato il telefono.

Stando a quanto dichiarato dalla romana, vi erano anche dei contenuti piuttosto delicati e privati, dei video girati insieme a suo marito. Immediatamente l’ex gieffina, appena scoperto l’accaduto, è andata a denunciare il fatto.

Non è mancato, però, un suo appello su Instagram rivolto a coloro che la seguono. “Ragazzi aiutati mi vi prego, chiunque sta facendo circolare quei video è passibile di denuncia”.

La denuncia di Guendalina Tavassi

Guendalina Tavassi nelle stories pubblicate su Instagram ha dichiarato di essersi immediatamente recata alla polizia per denunciare questa violazione della sua privacy e mostra anche la denuncia cartacea,

“Questo è un reato, mi hanno hackerato il telefono, erano delle cose personali, dei video, sono cose che ognuno di noi può fare quello che vuole, tutti noi abbiamo delle immagini simili sul telefono.

Ma ho dovuto denunciare, perché io sono una mamma, è una cosa orribile” dice tra le lacrima la ex gieffina, visibilmente disperata per l’accaduto.

La Tavassi è un fiume in piena, non riesce a placare la sua agitazione nel raccontare cosa le è accaduto e parlando con coloro che stanno guardando le sue stories, cerca di sottolineare la gravità di questo gesto, sottolineando che anche coloro che guardano il video divulgato illegalmente sono complici di un reato.

Chiunque abbia divulgato questi video, sarà denunciato e anche su whatsapp sappiate che sta vedendo un filmato che è una violazione guardarlo; anche solo tenerlo nel telefono.

Mi vedete sempre forte, sempre solare e sorridente, ma purtroppo queste cose toccando anche me, perché purtroppo sono una mamma, anche io faccio sempre la cretina, rido e scherzo, ma queste cose sono gravi”.

Temi di questo post