Inferno in autostrada: due morti schiacciati e un ferito grave

di redazione
2 settimane fa
1 Aprile 2021

Inferno in autostrada: due morti schiacciati e un ferito grave. Tragedia in autostrada A4 ieri – 31 marzo – poco prima delle 18. I vigili del fuoco sono stati chiamati per un doppio incidente tra i caselli di San Donà e Cessalto.

Ci sono stati due morti nel primo tamponamento tra un mezzo pesante e un furgone e un ferito nel secondo sinistro tra due mezzi pesanti. Il primo incidente 2 km circa dopo il casello di San Donà in direzione Trieste.

I pompieri arrivati da San Donà e Mestre e Motta di Livenza, hanno messo in sicurezza i mezzi ed utilizzando cesoie, divaricatori e martinetti idraulici estratto le due persone rimaste incastrate.

Purtroppo nonostante i soccorsi il medico del Suem ha dovuto dichiarare la morte di due giovani uomini: si tratta di un friulano di 28 anni residente a Talmasson, Erik Galluzzo e un albanese di 34 Eder Shqalshi residente a Udine.

Il secondo incidente mezz’ora dopo al km 428+900 tra due mezzi pesanti. I vigili del fuoco hanno estratto un’autista rimasto incastrato al posto guida. L’uomo è stato stabilizzato dal personale sanitario del SUEM e trasferito in ospedale.

Su entrambi gli incidenti il personale ausiliario dell’autostrada e la polstrada, che dovrà effettuare i rilievi del caso per stabilire le cause dell’inciente. Operazioni di soccorso dei vigili del fuoco si sono protratte fino a tarda serata.

Evade da domiciliari due volte lo stesso giorno, arrestato

Nell’ambito dei servizi di controllo dei detenuti ammessi a misure alternative alla detenzione, le Stazioni Carabinieri di Trieste via Hermet e Trieste Portonuovo hanno arrestato in flagranza del reato di evasione un triestino.

Un uomo di 49 anni, pregiudicato, che per due volte nella stessa giornata è stato sorpreso mentre violava gli arresti domiciliari. Violazione che aveva commesso altre tre volte negli ultimi due mesi.

L’uomo è stato sorpreso una prima volta fuori dall’abitazione da personale della Stazione Carabinieri di via Hermet ed è stato arrestato e riaccompagnato a casa, dove è stato nuovamente sottoposto alla misura restrittiva.

Nel pomeriggio dello stesso giorno è stato sorpreso per la seconda volta a passeggio per la città da una pattuglia della Stazione Carabinieri di Portonuovo. È stato arrestato e, questa volta, al termine delle formalità di rito, è stato condotto al Coroneo.

Temi di questo post