La morte di una 84enne si tinge di giallo: trovata in una pozza di sangue

di redazione
6 giorni fa
5 Aprile 2021

La morte di una 84enne si tinge di giallo: trovata in una pozza di sangue. Morte sospetta a San Floro. si pensa ad un probabile omicidio, visto lo scenario di fronte al quale si sono trovati i parenti della donna.

Nella mattina del giorno di Pasqua, i parenti di una signora di 84 anni che viveva da sola a San Floro, un comune della provincia di Catanzaro, si sono recati presso la sua abitazione intorno alle ore 9 per prelevare la donna e portarla a casa per festeggiare la Pasqua insieme.

Nell’aprire la porta di ingresso una delle figlie della signora si è però trovata davanti una scena orribile, vedendo la madre completamente distesa per terra in una pozza di sangue, con tutti i muri del corridoio sporchi.

La figlia della donna ha immediatamente chiesto l’intervento dei carabinieri e dell’autoambulanza del 118; i quali sono prontamente arrivati sul posto, ed il medico non ha potuto fare altro che accertare la morte dell’anziana donna.

Nominati gli avvocati

Le tre figlie della povera donna, non essendo convinte che si tratti di una morte accidentale, ma sospettando che sia un fatto delittuoso, hanno immediatamente nominato, quali difensori di fiducia, gli avvocati Enzo e Davide De Caro.

Il pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, Graziella Viscomi, ha disposto accertamento tecnico non ripetibile con esame autoptico del cadavere della signora deceduta.

Lo stesso pubblico ministero ha fissato già per la data di domani il conferimento dell’incarico. Le indagini, ora, sono in mano agli uomini dell’Arma dei Carabinieri. Stanno procedendo a lunghi interrogatori di persone informate dei fatti.

Contemporaneamente sono in corso le operazioni tecniche per verificare il contenuto delle telecamere posizionate nei pressi dell’abitazione della signora deceduta. Per poter risalire, eventualmente, al probabile autore.

Covid: in nove in un appartamento di Crotone, sanzionati

Si erano ritrovati all’interno di un appartamento, creando un assembramento, in violazione delle disposizioni adottate per contrastare la diffusione del Covid 19. Nove persone sono state sorprese e sanzionate dagli agenti della Polizia di Stato della Questura di Crotone.

I poliziotti, nell’ambito delle attività di controllo del territorio attuate nel weekend delle festività pasquali, a seguito di una segnalazione telefonica, sono intervenuti in un’abitazione privata posta in una zona residenziale appena fuori dal centro abitato della città.

Giunti sul posto, gli operatori hanno identificato ben 9 soggetti assembrati all’interno dei locali. A ciascun o di loro è stata applicata una sanzione come previsto dall’ultimo Dpcm.

Temi di questo post