La prima cotta della regina Elisabetta

4 settimane fa
27 Ottobre 2020
di redazione

La prima cotta della regina Elisabetta. I diari di Alathea Fitzalan, una delle prime amiche delle regina, rivelano la passione della quindicenne Elizabeth per l’allora ventiduenne Hugh FitzRoy, conte di Euston. Che però non ha «mai avuto intenzione di sposarla»

Da adolescente la futura regina Elisabetta II era cotta del granatiere Hugh FitzRoy, conte di Euston. La rivelazione arriva dai diari (postumi) di Lady Alathea Fitzalan Howard, che saranno pubblicati nel Regno Unito il prossimo 8 ottobre.

Lady Alathea nel 1940 lasciò Londra sotto le bombe per raggiungere il nonno visconte che viveva a Windsor. E divenne presto la compagna di giochi di Elisabetta e della sorella Margaret. Evacuate anch’esse. Insieme dipingevano, andavano a cavallo, prendevano lezioni di danza e di cucina.

E avevano in comune anche l’oggetto dei loro adolescenziali sogni d’amore: Hugh, all’epoca ventiduenne, con cui flirtavano entrmbe. Alathea però era convinta di non avere chance: «Sono sicura che Hugh preferisca Lilibeth a me. Non è innamorato di lei, ma le sue attenzioni lo fanno felice».

La futura regina già da ragazzina «era molto riservata».  Ma nel 1941, quando aveva 15 anni, parlando di Hugh confidò all’amica: «Lo adoro». E l’anno dopo, mostrandole una lettera del ragazzo che la ringraziava per gli auguri di Natale, sbottò: «È orribile che debba andare all’estero. Forse non lo rivedrò mai più».

Secondo diversi biografi reali, il conte di Euston (ed erede del ducato di Grafton) era il candidato preferito di Giorgio VI e della Regina Madre come marito della loro figlia maggiore.

Tuttavia, anni più tardi, lo stesso Hugh avrebbe dichiarato di non aver mai avuto alcuna intenzione di sposare la futura regina d’Inghilterra. E infatti nel 1946 portò all’altare Anne Fortune FitzRoy, una ricca plebea che oggi vanta il titolo di duchessa di Grafton ed è una delle dame di compagnia di Elisabetta II. Leggi anche qui 

L’interesse della futura regina per Hugh non durò molto. I diari di Alathea rivelano con quanta impazienza, già nel 1942, aspettava la visita al castello di Windsor di Filippo di Grecia e Danimarca, suo futuro marito. Leggi anche qui 

Filippo iniziò a corteggiarla assiduamente nel 1943, ma prima del fidanzamento ufficiale (nel 1947) la giovane Elisabetta si sarebbe guardata un po’ in giro: pare abbia flirtato, in modo assolutamente innocente, non solo con Hugh ma anche con i duchi di Rutlande e Buccleuch.

E nel 1945 si prese una bella cotta per il capitano Roderick Cameron Robertson-Macleod, un gigante scozzese delle isole Skye dai biondi capelli: «Questo giovane gigante è attraente in modo devastante. Ha creato agitazione nel mio cuore», confessò Lilibeth alla cugina Diana Bowes-Lyon.

Anche questa cotta improvvisa, tuttavia, non durò a lungo. Alla fine Elisabetta scelse Filippo. Sono passati settantatrè anni dal giorno in cui gli disse «sì». E non se n’è mai pentita. Vanity Fair