Migranti, Gabrielli: “Attendiamo ancora risposte dalla Francia”

di  Redazione
2 anni fa - 29 Ottobre 2019

Continua, anche in inverno inoltrato, il passaggio di migranti attraverso il passo montano del “Colle della Scala” (1762 slm).

«Sono trascorsi due anni e attendiamo ancora risposte sulla questione di Bardonecchia». Il capo della polizia Franco Gabrielli è al Castello di Moncalieri per la conferenza regionale sulla «Cooperazione internazionale di polizia».

La vicenda Bardonecchia

E torna sulla vicenda del 30 marzo 2018, quando un gruppo di doganieri francesi fece un blitz in una sala della stazione di Bardonecchia, per effettuare un test delle urine a un nigeriano. Immigrato regolare fermato sul treno Parigi-Milano e sospettato di traffico di stupefacenti. «Ancora aspettiamo risposte dalla Francia», aggiunge Gabrielli. Seguito dal Procuratore generale presso la Corte d’Appello di Torino, Francesco Saluzzo: «Alla base di tutti gli accordi c’è la cessione di sovranità, ma c’è ancora qualche ruggine che dovrebbe essere superata. Un esempio? Qui a Torino aspettiamo ancora una risposta per sapere le generalità dei poliziotti francesi che vennero a Bardonecchia».

Moncalieri

Al Castello di Moncalieri, sede del primo reggimento carabinieri Piemonte, durante il quarto incontro del ciclo di conferenze regionali programmate e realizzate dallo Scip (Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia) della Direzione Centrale della Polizia Criminale, si parla delle potenzialità della cooperazione internazionale, dei canali di comunicazione, delle banche dati.

Le parole del prefetto Paolomba

A soffermarsi sulle questioni piemontesi, e in particolare sulla Tav, è il prefetto di Torino Claudio Palomba. «Lo scambio di informazioni con le forze di polizia francesi è fondamentale per prevenire eventuali infiltrazioni mafiose nel cantiere della linea ad Alta velocità Torino – Lione«, dichiara. E poi parla delle «pattuglie miste, importante soprattutto per quanto riguarda i fenomeni transfrontalieri. Con la Francia e l’Alta Savoia – spiega – stiamo ridefinendo i protocolli anche in previsione del periodo invernale».

All’incontro, che si concluderà nel tardo pomeriggio, partecipano, tra gli altri, il vicedirettore generale della pubblica sicurezza, prefetto Vittorio Rizzi, il comandante della legione carabinieri ‘Piemonte’, generale Aldo Iacobelli, il questore di Torino Giuseppe De Matteis.  Torino, secondo il capo della polizia Gabrielli, «rappresenta un’eccellenza nazionale dal punto di vista della sicurezza. Negli ultimi tempi sono state risolte questioni annose che rischiavano di incancrenirsi».

Migranti, Gabrielli: “Attendiamo ancora risposte dalla Francia”
CONTINUA LA LETTURA
Homepage cronaca Condividi adesso