Mistero attorno al cadavere di una donna emerso nelle acque di Sanremo

Il corpo di una donna è stato trovato nelle acque del Porto Vecchio
di  Redazione
4 settimane fa - 29 Giugno 2021

Mistero attorno al cadavere di una donna emerso nelle acque di Sanremo. Giallo fitto a Sanremo, in provincia di Imperia, dove nel primo pomeriggio di oggi, martedì 29 giugno, è stato rinvenuto il cadavere di una donna.

Il corpo senza vita è stato avvistato in mare, nello specchio acqueo antistante il Porto Vecchio. Ad accorgersi del cadavere e a dare subito l’allarme è stato un diportista e sul posto sono intervenuti i carabinieri e la guardia costiera.

Le forze dell’ordine hanno proceduto subito al recupero della salma. Secondo le prime informazioni trapelate, si tratterebbe di una donna di circa sessanta anni, probabilmente una casalinga abitante del posto.

Le forze dell’ordine stanno procedendo all’identificazione della vittima. Le cause della morte sono ancora da chiarire. Indossava pantaloni e una maglia scura. Il cadavere, a quanto si apprende, è stato trovato circa a metà del molo lungo.

Stando a una prima descrizione, la donna trovata senza vita indossava un paio di pantaloni (forse dei jeans) modello “pinocchietto” e una maglia di colore scuro. Niente che, però, faccia risalire alla identità delal donna

Inoltre, secondo alcune testimonianze raccolte sul posto, la donna con una mano teneva una mascherina e con l’altra sembra un sacchetto con una bottiglietta d’acqua.

Da chiarire le cause del decesso della donna

La morte della donna non dovrebbe risalire a molto tempo prima del ritrovamento. Non è ancora chiaro però se il decesso sia attribuibile a un malore, a un incidente o ad altro. Sembra che nelle ultime ore fosse arrivata ai militari di Sanremo la segnalazione di scomparsa di una persona.

Uccise rivale in amore, condannato all’ergastolo

La Corte d’Assise della Spezia ha condannato all’ergastolo Francesco Ruggiero, il sottufficiale dell’Aeronautica che l’11 marzo del 2019 uccise a colpi di pistola Vincenzo D’Aprile, marito della donna con la quale aveva una relazione.

I giudici hanno accolto la tesi del pubblico ministero Monica Burani, che aveva chiesto l’ergastolo sottolineando come l’omicidio fosse premeditato da Ruggiero. Quel giorno infatti il sottufficiale dell’Aeronautica, temendo un riavvicinamento tra la donna che stava frequentando e il marito, prese una macchina a noleggio per seguirli.

Una volta raggiunti in piazzale Ferro, nel quartiere di Fossitermi, Ruggiero esplose diversi colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di D’Aprile, che morì sul posto sotto gli occhi della moglie e del figlio, nonostante l’intervento dei sanitari.

Mistero attorno al cadavere di una donna emerso nelle acque di Sanremo
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST