Monte Baldo: Giorgio Piccoli, 69 anni, precipita durante escursione e muore

Durante un'escursione, Giorgio Piccoli, dipendente del Comune di Avio, in provincia di Trento, ha perso la vita dopo una caduta di circa 300 metri

2 Febbraio 2024

Monte Baldo: Giorgio Piccoli, 69 anni, precipita durante escursione e muore

Monte Baldo: Giorgio Piccoli, 69 anni, precipita durante escursione e muore. Ha perso l’equilibrio e ha fatto un volo di 300 metri. A dare l’allarme due testimoni.

Ieri si è verificata una tragedia sul Monte Baldo, al confine tra Trentino e Veneto. Durante un’escursione, Giorgio Piccoli, un uomo di 69 anni e dipendente del Comune di Avio, in provincia di Trento, ha perso la vita dopo una caduta di circa 300 metri.

L’incidente mortale è avvenuto mentre Giorgio Piccoli, provvisto di piccozza e ramponi, stava scendendo dal Vallone dell’Osanna, sul versante orientale del Monte Baldo, dopo aver raggiunto la cima Telegrafo.

Questa è una tra le zone preferite dagli appassionati di escursionismo. Al momento sono in corso le indagini per comprendere le cause dell’incidente e sapere se l’uomo sia scivolato sulla neve oppure si trovasse nel canale al momento della caduta.

L’allarme di altri escursionisti

Le autorità sono state avvertite della tragedia dai due escursionisti che stavano salendo la cima e che hanno assistito alla caduta. Tramite le coordinate inviate dalle due persone, l’elicottero del 118 è stato in grado di raggiungere la zona, situata a circa 1.840 metri di quota, dove il personale medico ha potuto solo constatare il decesso della vittima.

La salma è stata recuperata con successo mediante il verricello, a un’altitudine di 1.840 metri, in prossimità dei cavi della teleferica del Rifugio Telegrafo, e trasportata a Caprino nel Veronese, dove erano presenti i Carabinieri e dove è stata attesa dal carro funebre.

La comunità di Avio ha subito un profondo shock. Il sindaco Ivano Fracchetti ha espresso il suo cordoglio, definendo la persona defunta “una grande persona“.

La perdita è enormemente sentita dalla comunità, la quale è stata servita con professionalità, passione ed impegno per circa quarant’anni.

L’amministrazione comunale e l’intera comunità si uniscono ai familiari in questo momento di dolore, essendo la figura defunta sempre stata un pilastro di riferimento per i cittadini, sempre disponibile ad aiutare in ogni loro necessità.

  •  

Redazione

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip