Morte farmacista Serena Fasan: si indaga per omicidio

sei in  Italia

3 settimane fa - 27 Agosto 2021

Morte farmacista Serena Fasan: si indaga per omicidio. Si indaga per omicidio volontario a Castelfranco Veneto, dove il cadavere di una giovane farmacista di 37 anni è stato rinvenuto all’interno di un’abitazione privata nella giornata di mercoledì.

Serena Fasan, così si chiamava la donna, è stata ritrovata dal compagno che ha poi chiamato le forze dell’ordine. A destare sospetti, i segni sul corpo della 37enne individuati dopo una seconda ispezione cadaverica.

Si tratterebbe delle impronte di due mani sul collo. Il medico legale ha spiegato che le tracce potrebbero essere riconducibili ad un soffocamento. Il professionista ha sottolineato, però, che gli stessi segni potrebbero essere riconducibili all’intervento dei parenti.

Intervento avvenuto dopo il ritrovamento, in quanto “troppo poco evidenti per suggerire lo strangolamento con forza”. Nonostante questa precisazione il magistrato incaricato delle indagini vuole vederci chiaro.

Per il sostituto procuratore del tribunale di Treviso, Mara Giovanna De Donà devono aver assunto grande valore nella dinamica dei fatti, tanto da portare all’apertura di un fascicolo per omicidio volontario.

Sarà l’autopsia a dirimere tutti i dubbi.

Si tratta, secondo le prime indiscrezioni, di un fascicolo che al momento non fa riferimento a possibili indiziati. Un altro degli elementi raccolti ora al vaglio delle autorità è il suicidio di uno zio della vittima avvenuto poche ore dopo il ritrovamento del corpo. L’uomo si sarebbe gettato da un ponte.

Il ritrovamento e l’intervento dei soccorsi

La farmacista era madre di un bimbo di due anni che al momento della morte dormiva nella sua stanzetta. Il suo corpo è stato ritrovato nel corridoio, riverso sul pavimento.

Il compagno ha subito allertato il 118 che però, una volta giunto sul posto, ha potuto solo constatare il decesso. Gli stessi sanitari hanno chiamato le forze dell’ordine per accertare le cause poco chiare del decesso.

Nel corso dei primi esami effettuati nell’appartamento, non erano emersi sul corpo di Serena dei segni evidenti di violenza. Il secondo esame però ha evidenziato piccole ferite al collo. In casa non vi erano segni di effrazione o di furto. Sequestrato anche il cellulare della donna, ritrovato a pochi passi da lei.

Morte farmacista Serena Fasan: si indaga per omicidio
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST farmacista fetured morte