Morto dopo un pugno durante lite in un bar: un fermato

4 settimane fa
27 Ottobre 2020
di redazione

Morto dopo un pugno durante lite in un bar: un fermato. Un uomo di 33 anni è stato fermato dai carabinieri per l’omicidio preterintenzionale di un 51enne che il 25 ottobre ha colpito con un pugno al volto al culmine di una lite scoppiata in un bar di Milano.

Il fermo

Il fermato, di origini tunisine, risulta irregolare e con diversi precedenti. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, alle 18 di due giorni fa hanno litigato per futili motivi in un locale in via Ciceri Visconti.

Il 33enne ha sferrato un pugno al volto del marocchino che è caduto al suolo battendo la testa.

Nell’impatto ha riportato gravi lesioni che poche ore dopo ne hanno causato la morte.

Il fermato è accompagnato a San Vittore ed è in attesa dell’udienza di convalida.

La vicenda

Il 25 ottobre appena trascorso, un uomo di 51 anni, di origine marocchina, è trasportato d’urgenza in ospedale dopo essere stato aggredito, poco dopo le 18, davanti a un bar a Milano.

L’episodio era accaduto in via Ciceri Visconti, in zona Calvairate. Secondo quanto riferito dai carabinieri, nel locale è scoppiata una lite tra il 51enne e altri due clienti, che sarebbero di origine tunisina.

Questi lo avrebbero colpito con un pugno al volto. Il marocchino sarebbe caduto battendo la testa al suolo, procurandosi un grave trauma cranico.

All’arrivo dei paramedici era in arresto cardiaco. L’uomo è rianimato e accompagnato in gravi condizioni all’ospedale San Paolo.

temi di questo post