Muore a 13 anni: travolto da un’auto mentre era in bici, donati gli organi

Il dramma nella giornata di mercoledì a Lentini. L’impatto con una Renaut guidata d un 60enne è stato violento, il minore è stato sbalzato dalla sella, facendo un volo di diversi metri
di redazione
1 settimana fa
3 Aprile 2021

Muore a 13 anni: travolto da un’auto mentre era in bici, donati gli organi. Tragedia sulle strade in Sicilia. Stefano Russo è morto dopo esser stato travolto da un’auto mentre era in sella alla sua bici.

Aveva appena 13 anni. Il dramma a Lentini, in provincia di Siracusa. I fatti sono avvenuti nella giornata di mercoledì 31 marzo. Il ragazzino stava pedalando sulla bicicletta e si trovava in prossimità di un incrocio quando una Renault guidata da un uomo di 60 anni l’ha investito senza dargli scampo.

Stefano è stato sottoposto ad un delicato intervento all’ospedale Cannizzaro di Catania dopo le ferite riportate nell’incidente, ma purtroppo per lui non c’è stato nulla da fare. Sul caso sono in corso le indagini di rito.

L’obiettivo è accertare le eventuali responsabilità del 60enne. Stefano frequentava la seconda media all’Istituto comprensivo ‘Pirandello’ di Carlentini ed anche il gruppo Agesci «’Lentini 1′ della chiesa Sant’Alfio di Lentini.

Che hanno espresso il loro cordoglio: “Nessun commento potrebbe mai rendere idea del dolore che ha investito i nostri cuori – si legge nel post scritto su Facebook –. La comunità scolastica dell’Istituto Pirandello, ancora incredula, si stringe attorno alla famiglia del piccolo Stefano.

Intorno ai suoi amici, a quanti in questo momento versano lacrime non confortabili. Bambino solare, prezioso, sorridente e allegro… a te Stefano il nostro saluto. La terra ti sia lieve piccolino”. I genitori di Stefano hanno dato l’assenso all’espianto degli organi.

Le esequie si svolgeranno lunedì, nella chiesa di Sant’Alfio. E i carabinieri stanno cercando di ricostruire la dinamica del drammatico incidente che ha tolto la vita ad un ragazzo di appena tredici anni.

Covid: Montallegro, Sommatino e Pietraperzia in zona rossa

Montallegro, in provincia di Agrigento, Sommatino, in provincia di Caltanissetta, Pietraperzia, nell’Ennese, in aggiunta alle misure nazionali previste, dal 4 al 14 aprile diventano zona rossa. Ai tre Comuni si applicano così ulteriori misure restrittive.

Quelle previste dall’ordinanza appena firmata dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci. Il provvedimento è stato adottato su richiesta dei sindaco e sulla scorta delle relazioni delle Asp, a seguito dell’aumento di casi positivi al Covid. Diventano, così, 31 le zone rosse sul territorio regionale.

Temi di questo post