Napoli nel caos, dopo l’ammutinamento il club minaccia provvedimenti e annuncia il silenzio stampa

di  Redazione
2 anni fa - 6 Novembre 2019

Prima l’ammutinamento da parte dei senatori nello spogliatoio, poi la reazione della società. Il Napoli sta vivendo un momento di caos totale dopo la serata di Champions di ieri. I giocatori, che erano stati mandati in ritiro dopo la sconfitta contro la Roma, avevano infatti deciso di tornare a casa dopo il pareggio col Salisburgo. Ora è arrivata la durissima reazione del club.

Le ultime ore sono state piuttosto delicate. Dopo l’1-1 col Salisburgo, Carlo Ancelotti, che si era detto poco convinto del ritiro, ha scelto di non presentarsi alle domande dei cronisti nel post-partita. Pochi minuti dopo, la notizia clamorosa: i giocatori del Napoli, che volevano tornare dalle loro famiglie, non sono saliti sul bus della squadra. “Noi torniamo a casa, dillo anche a tuo padre”, avrebbe detto Lorenzo Insigne al figlio di Aurelio De Laurentiis. Un vero e proprio ammutinamento, anche se questa mattina la squadra si è regolarmente radunata a Castel Volturno. L’obiettivo, infatti, è quello di voltare subito pagina dopo una buona prestazione in cui la squadra avrebbe meritato i tre punti.

Sempre nelle scorse ore, i giocatori si erano attivati contattando i loro avvocati per tutelarsi da eventuali provvedimenti disciplinari, anche di natura economica, da parte del club. Un’intuizione rivelatasi fondata, come conferma il comunicato del club. “La Società comunica che, con riferimento ai comportamenti posti in essere dai calciatori della propria prima squadra nella serata di ieri, martedì 5 novembre 2019,  procederà a tutelare i propri diritti economici, patrimoniali, di immagine e disciplinari in ogni competente sede” – fa sapere il Napoli – “Si precisa  inoltre di aver affidato la responsabilità decisionale in ordine alla effettuazione di giornate di ritiro da parte della prima squadra all’allenatore della stessa Carlo Ancelotti. Infine comunica di aver determinato il silenzio stampa fino a data da definire”. Una situazione potenzialmente esplosiva, in cui sono almeno tre gli attori principali: società, staff tecnico e squadra.

Napoli nel caos, dopo l’ammutinamento il club minaccia provvedimenti e annuncia il silenzio stampa
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Sport Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST
ammutinamento napoli ritiro