Neonato in braccio alla madre azzannato al volto dal cane di famiglia

Il bimbo è stato azzannato al volto dal cane di famiglia. Subito dopo l'aggressione è stato trasportato in ospedale dove è ancora ricoverato
di redazione
2 settimane fa
13 Gennaio 2021

Neonato in braccio alla madre azzannato al volto dal cane di famiglia. Azzannato al volto dal cane di famiglia. È la tragedia che ha travolto un bimbo di soli 9 mesi, residente con la famiglia a Celano, in provincia de L’Aquila.

Dopo l’aggressione, il piccolo è stato portato d’urgenza all’ospedale della vicina Avezzano. Non sarebbe in pericolo di vita ma le sue condizioni sono serie. È ancora da accertare la dinamica dell’accaduto.

Stando a quanto riferisce il quotidiano online IlCentro.it, i fatti risalgono al pomeriggio di martedì 12 gennaio. Il piccolo, come si è detto di appena 9 mesi, pare si trovasse tra le braccia della mamma quando il cane gli si è avventato contro procurandogli una profonda lesione al volto.

La bestiola, un esemplare Akita (una razza giapponese generalmente di indole non aggressiva) lo ha colpito al viso e, nello specifico, tra l’occhio e l’orecchio graffiandolo in profondità, tanto da aver bisogno delle cure dei sanitari.

I soccorsi e il trasporto in ospedale

A seguito dell’attacco, i genitori hanno allarmato i soccorsi. Nel giro di pochi minuti, il personale del 118 si è recato presso l’abitazione, a Celano, piccola cittadina in provincia de L’Aquila (Abruzzo).

Il bimbo è stato visitato e successivamente trasportato presso l’ospedale della vicina Avezzano per accertamenti. Stando a quanto si apprende da fonti a vario titolo, non sarebbe in pericolo di vita ma le sue condizioni sono severe.

Il rischio è che la ferita al viso, in un punto molto delicato, possa generare una infenzione. Per questo motivo, e data la tenera età del neonato, si è deciso di tenerlo sotto osservazione fino a quando non si sarà completamente rimesso.

Sul posto, allertati da una telefonata, sono intervenuti prontamente anche i carabinieri della locale stazione di Celano, coordinati dal luogotenente Pietro Finanza, per la ricostruzione del grave e inquietante episodio.

Il racconto dei familiari

Dal racconto dei familiari pare che il cane fosse abituato alla normale e naturale presenza del bambino e, fino al drammatico pomeriggio di ieri, non avrebbe mai mostrato segni di insofferenza o di agitazione.

Il piccolo, che era tra le braccia della mamma, avrebbe provato ad accarezzare la bestiola allungando una manina sulla testa. A quel punto, forse infastidito dal contatto, l’animale ha reagito prendendolo a morsi sul volto.

La madre, tra le urla, ha strappato il piccolo dalla bocca dell’animale trattenendo a sé il figlioletto e allontanando il fido. In ogni caso, la dinamica della vicenda resta ancora da accertare. Le indagini del caso sono affidate ai militari dell’Arma di Celano.

Temi di questo post