Omicidio suicido a San Giovanni a Teduccio: ammazza la moglie e poi si toglie lavita

Raffale Pinto ex guardia giurata, di 54anni si è tolto la vita e ha tenuto in scacco mezzo quartiere

8 Febbraio 2024

Omicidio suicido a San Giovanni a Teduccio: ammazza la moglie e poi si toglie lavita

Omicidio suicido a San Giovanni a Teduccio: ammazza la moglie e poi si toglie la vita. E’ successo questa mattina nel quartiere dell’hinterland napoletano.

Raffale Pinto ex guardia giurata, di 54anni si è tolto la vita e ha tenuto in scacco mezzo quartiere. La moglie, Eva Kaminsha, è stata uccisa a colpi di pistola e dopo un paio di ore lui si è tolto la vita, probabilmente avvelenandosi.

Quindi si tratta ora di un omicidio/suicidio. La porta era stata aperta con un flex e davanti ai poliziotti la macabra e orrenda scena dei due corpi senza vita.

La vicenda

E’ successo nella mattinata in via Raffaele Testa nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio. Il panico si è subito diffuso tra la gente e sul posto si erano recati un negoziatore della polizia di Stato e le unità operative di primo intervento.

L’uomo dopo aver sparato alla moglie, si è affacciato alla finestra sparando colpi contro gli agenti di polizia, presenti sul posto anche con tiratori scelti.

Secondo quanto hanno riferito alcuni vicini, l’uomo in passato lavorava come guardia giurata ma poi aveva perso il posto forse in seguito al tentativo di furto della sua pistola durante il quale era stato anche ferito.

Secondo quanto si apprende, ha tre figli, due dei quali si trovavano stamattina a scuola, il terzo in gita con la classe.

  •  

Redazione

La redazione de L'inserto, articoli su cronaca, economia e gossip