Operaio di 43 anni addetto alla segnaletica stradale muore investito da un’auto

4 settimane fa
23 Settembre 2020
di redazione

Operaio di 43 anni addetto alla segnaletica stradale muore investito da un’auto. Tragedia lungo la superstrada che collega Ferrara a Porto Garibaldi, all’altezza di Cona.

Un operaio di 43 anni che stava lavorando come addetto alla segnaletica orizzontale è morto sul colpo a seguito del tamponamento tra due mezzi.

Il conducente di una delle due vetture, un 39enne, è rimasto ferito ma non è in pericolo di vita.

La dinamica dell’incidente è in corso di accertamento da parte della Polizia Locale di Ferrara e la carreggiata verso la città emiliana è provvisoriamente chiusa al traffico per consentire l’intervento dei sanitari del 118 giunti sul posto e i rilievi.

L’uomo – 43 anni e di nazionalità nigeriana – era un dipendente della Cims di Castel Guelfo, ditta bolognese che opera per conto di Anas.

Stava lavorando sulla carreggiata per segnalare la presenza di operai quando è arrivata a forte velocità una Fiat Panda che ha tamponato il mezzo utilizzato per realizzare le strisce stradali.

Il 43enne si trovava purtroppo nei pressi del mezzo ed è stato investito, morendo sul colpo.

I sanitari, arrivati dopo pochi minuti, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 43enne.

Mentre il conducente dell’utilitaria è trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale di Cona.

Intervenuti anche i vigili del fuoco di Ferrara per la messa in sicurezza dei mezzi incidentati, oltre alle squadre dell’Anas.

temi di questo post