Pedopornografia: foto e video su app, 7 denunce e un arresto

di  Redazione
3 settimane fa - 10 Luglio 2021

Pedopornografia: foto e video su app, 7 denunce e un arresto. Sette persone denunciate e un arresto: è il bilancio di indagini condotte della Polizia di Stato per il contrasto alla pedopornografia online.

In particolare, la Polizia di Stato di Napoli ha denunciato 7 persone ritenute responsabili di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico con sfruttamento sessuale.

L’attività di indagine è scaturita in ambito di cooperazione internazionale di polizia da una segnalazione del collaterale canadese; per scambio di materiale pornografico prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori, avvenuto su una nota app di messaggistica istantanea.

L’indagine, inoltre, è coordinata dal Servizio Polizia postale e delle comunicazioni di Roma – Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online (Cncpo) e diretta dalla procura , coordinata dal Servizio Polizia postale e delle comunicazioni di Roma – Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online (Cncpo) e diretta dalla procura di Napoli,

Identificate sette persone

Gli accertamenti, effettuati dalla Polizia postale di Napoli, attraverso l’analisi delle tracce informatiche, hanno consentito di identificare sette persone residenti nella provincia di Napoli.

A seguito delle perquisizioni eseguite presso le abitazioni degli indagati, sono stati sequestrati numerosi dispositivi; all’interno dei quali sono stati rinvenuti immagini e video relativi ad abusi e violenze su minori.

Gli investigatori della Polizia postale di Napoli, inoltre, nell’ambito di un’analoga attività di indagine, hanno arrestato un cittadino straniero residente in provincia di Cosenza, per la detenzione di materiale pedopornografico reperito online e scambiato con altri utenti.

Violenza sessuale: nel Sannio indagati due giovani

Una ragazza di Montesarchio (Benevento) di diciotto anni ha denunciato di essere violentata nella notte del 30 maggio scorso da due coetanei; che ora sono indagati dalla Procura di Benevento.

L’inchiesta martedì prossimo vivrà un momento importante attraverso la deposizione della ragazza, che consentirà, nel contraddittorio tra le parti, di acquisire l’eventuale prova prima del dibattimento.

Servirà a questo l’incidente probatorio fissato dal gip su richiesta del sostituto procuratore Maria Colucci, titolare dell’indagine, condotta dalla Squadra mobile, a carico di due giovani di Tocco Caudio, per la presunta violenza sessuale di cui sarebbe rimasta vittima la ragazza.

Tutto sarebbe accaduto nella zona del cimitero della frazione Luzzano di Moiano lo scorso 30 maggio. Secondo una prima ricostruzione, i tre ragazzi avrebbero prima fatto un giro e poi raggiunto in auto la zona.

Qui avrebbero abusato a turno della diciottenne che, una volta tornata a casa, avrebbe riferito ai genitori ciò che le sarebbe capitato. Da qui la denuncia e l’avvio di un’attività investigativa che ha chiamato in causa i due giovani, indagati per violenza sessuale.

Pedopornografia: foto e video su app, 7 denunce e un arresto
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST Oggi pedopornografia