Ragazze scambiate in culla in ospedale: vissute come sorelle

sei in  Italia

2 settimane fa - 14 Settembre 2021

Ragazze scambiate in culla in ospedale: vissute come sorelle. Era la notte di Capodanno del 1998 e due famiglie festeggiavano entrambe il lieto evento della nascita di una figlia all’ospedale di Mazara del Vallo, nel Trapanese.

Mai immaginando che tre anni dopo si sarebbero ritrovate di fronte a una notizia sconvolgente. Qualcuno aveva scambiato le piccole ragazze in culla proprio quella notte e ognuna delle coppie per tre anni aveva cresciuto la figlia dell’altra.

Inizia qui la storia di Melissa Foderà e Caterina Alagna, due ragazze siciliane scambiate in culla da medici e infermieri distratti e che, grazie alla decisione dei quattro genitori, da allora sono cresciute come sorelle a tutti gli effetti e non si sono perse di vista nemmeno da adulte.

La fiction Rai

A raccontare la loro incredibile e singolare storia è una fiction Rai, che andrà in onda giovedì 16 settembre su Raiuno, e un libro che sta per uscire per Rizzoli e che non a caso si intitolano “Sorelle per sempre”, così come voluto da loro.

A 20 anni da quei fatti, per Caterina e Melissa, che oggi di anni ne hanno 23, ormai la loro storia è solo una avventura da raccontare che ha reso molto speciale la loro vita fatta di “due mamme, due papà e otto nonni” come amano ripetere da sempre le due ragazze.

Eppure la loro storia, come raccontano i genitori al Corriere della Sera, è stata frutto anche di molti dolori quando lo scambio in culla, venuto a galla quasi per caso, ha posto le due famiglie di fronte al dilemma se tenere la bimba cresciuta come una figlia per tre anni o scambiarsi le piccole.

Il ruolo della maestra

Una scoperta casuale quando una nuova maestra all’asilo che le due bimbe frequentavano stava per affidare Caterina all’altra mamma data l’incredibile somiglianza. Da lì i primi dubbi sulle due bimbe.

Identiche ognuna alla mamma dell’altra. Poi i test del DNA e la conferma  dell’assurdo scambio in culla che poi ha portato al risarcimento da parte dell’Asl anche se nessuno è stato punito tra i sanitari perché i colpevoli non sono stati individuati.

Un lungo calvario tra psicologi, pediatri e consulti legali che però fortunatamente si è concluso nel migliore dei modi per tutti visto che Caterina e Melissa son ora “sorelle”, anzi “gemelle”, come amano definirsi.

Dopo un lungo avvicinamento, il cambio di casa per le due figlie è avvenuto con una grande festa di compleanno che poi ogni ano si è ripetuta, rigorosamente tutti assieme.

Le due ragazze non si soni mai separate proseguendo gli studi come compagne di banco dalle elementari fino al diploma circondate dall’effetto di entrambe le famiglie.

Ragazze scambiate in culla in ospedale: vissute come sorelle
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST culla Oggi ragazzee sorelle per sempre