Ronaldo asfalta il ministro Spadafora: “Bugie dal signore italiano”

7 giorni fa
17 Ottobre 2020
di redazione

Ronaldo asfalta il ministro Spadafora: “Bugie dal signore italiano”. Continua lo scontro a distanza tra il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, e Cristiano Ronaldo.

Tutto nasce dopo il riscontro positivo del tampone per coronavirus per il calciatore portoghese, che come altri suoi colleghi ha raggiunto il ritiro della sua nazionale.

Ed è proprio in Portogallo che Cristiano Ronaldo ha ricevuto l’esito dell’avvenuto contagio. Da quel momento è iniziato il balletto di dichiarazioni, smentite, accuse e difese.

Che ha visto scendere in campo il ministro dello Sport in persona per chiedere maggiori chiarimenti sulla vicenda e Cristiano Ronaldo ribattere colpo su colpo alle sue affermazioni.

Il caso è nato quando sette giocatori della Juventus si sono allontanati anticipatamente dalla “bolla” Juventus, per raggiungere le rispettive nazionali.

Come imposto dal protocollo, la società ha dovuto segnalare questa anomalia alla Asl di Torino e i loro nomi sono inseriti in un fascicolo dalla Procura e sono oggetto di inchiesta anche da parte della Figc.

Nessun sospetto di violazione, invece, per il ritorno in Italia di Cristiano Ronaldo, che dopo l’esito del tampone ha fatto ritorno a Torino con un volo sanitario privato.

Questo caso ha innescato la reazione del ministro dello Sport che, interrogato sulla vicenda, ha sostenuto la violazione del protocollo da parte di Cristiano Ronaldo.

“La domanda era su andata e ritorno. A quel che risulta in merito all’andata è la stessa società a segnalare alla Asl che alcuni giocatori avevano ‘rotto’ l’isolamento fiduciario senza averne l’autorizzazione.”

“Tanto che il direttore del dipartimento di prevenzione della Asl di Torino ha dichiarato di aver dovuto trasmettere in Procura i nomi”, ha detto Spadafora all’Ansa.

Cristiano Ronaldo, a quel punto, ha voluto rispondere al ministro attraverso una lunga diretta dal suo profilo Instagram.

“C’è un signore in Italia, di cui non ricordo il nome, che dice che non ho rispettato il protocollo, è una bugia, è tutto falso”, ha dichiarato il calciatore, che poi ha continuato.

“La quarantena la sto passando a casa, a Torino. La mia famiglia vive in un altro piano di casa e non abbiamo contatti. Quando stai bene di testa non hai problemi. Non vedo l’ora di tornare”.

Le parole di Cristiano Ronaldo non sono piaciuta a Vincenzo Spadafora, che ha replicato: “Non ho intenzione di proseguire all’infinito su questo tema.”

“Confermo quanto detto relativamente all’abbandono dell’hotel di alcuni giocatori della Juventus, basandomi tra l’altro sulle comunicazioni della società alla Asl di Torino”.

In secondo momento, poi, il ministro dello Sport ha aggiunto all’Ansa

“La notorietà e la bravura di certi calciatori non li autorizza ad essere arroganti, irrispettosi verso le istituzioni e a mentire.”

“Anzi, più si è noti più si dovrebbe avvertire la responsabilità di pensare prima di parlare e di dare il buon esempio”. Fonte IlGiornale