Scuola, Sgambato (Pd): “Contrari a sanatoria, ma potenziare organico!”

3 mesi fa
24 Maggio 2020
di redazione

Scuola, Sgambato (Pd): “Contrari a sanatoria, ma potenziare organico! “Il Partito Democratico è stato sempre contrario alle sanatorie e anche oggi lo è.

Noi vogliamo una graduatoria con prova finale selettiva alla fine dell’anno, certo più concreta di un concorso a quiz che non si sa, per i problemi legati alla pandemia, nemmeno se potrà svolgersi. Il rischio è gravissimo.

C’è la necessità assoluta di portare tutti i docenti in cattedra per settembre perché solo potenziando l’organico possiamo riprendere le attività didattiche, in piena sicurezza, come stiamo dicendo da tempo e come ci chiedono i docenti, le famiglie e soprattutto gli studenti.

Queste sono le nostre preoccupazioni che abbiamo espresso al tavolo con il Presidente Conte rappresentando una posizione unitaria discussa ampiamente in segreteria con il gruppo parlamentare”.

Così in una nota la responsabile scuola del Pd Camilla Sgambato

“Peraltro la posizione del Partito Democratico è chiara e coerente, ed è agli atti. Con la Legge 107 – ricorda l’esponente dem – il Partito democratico contribuì ad assumere 100.000 docenti. E fu la migliore risposta ad una sentenza europea che sanzionava l’Italia perché si continuava a prorogare su posti vacanti e disponibili.

Peraltro, l’art. 131 è stato abolito con il decreto dignità, e la cosa è stata possibile proprio grazie alle migliaia di assunzioni della 107. Sempre con il Pd è stato avviato un percorso di formazione iniziale e di reclutamento con il decreto N. 59/17 e con la fase transitoria del FIT che avrebbe risolto definitivamente la piaga del precariato nel giro di pochi anni.

Peccato che questo percorso si sia interrotto -conclude la Sgambato- con il precedente governo, nonostante avesse già iniziato ad avere effetti positivi. Abbiamo lavorato con il Governo per aumentare il numero degli insegnanti stabilizzati e intendiamo proseguire sulla strada di un potenziamento dell’organico per poter garantire il diritto costituzionale all’istruzione”.

temi di questo post