Si finge morta e sopravvive alla strage: uccisi padre, madre e fratellino

Probabile che la famiglia conoscesse l’assassino
di  Redazione
4 settimane fa - 2 Luglio 2021

Si finge morta e sopravvive alla strage: uccisi padre, madre e fratellino. Si finge morta ed ha avuto salva la vita dopo che la sua famiglia è stata sterminata da un killer.

La strage è avvenuta in una casa di Houston, in Texas: una vera e propria esecuzione quella che ha visto vittime il padre, la madre e la sorellina di sei anni (tutti uccisi con un colpo di pistola alla testa) della bimba di 10 anni.

Ferita al braccio, quest’ultima è riuscita a chiamare la nonna con FaceTime per mostrarle la terribile scena. La coppia aveva altri due figli: un bimbo di otto anni era con lo zio mentre un altro di un anno è rimasto illeso.

L’allarme

“Nonna, qualcuno è entrato in casa e ha sparato a me, mia madre, mio ??padre e mia sorella, e sono morti tutti”, avrebbe detto la piccola di 10 anni alla nonna, secondo quanto raccontato all’emittente KTRK da Angela Ervin, una parente.

“E’ rimasta in casa per circa 15 minuti con i corpi fino a quando non siamo arrivati ??qui”. L’assistente capo della polizia Patty Cantu ha detto che la nonna ha chiamato il 911 dopo aver appreso della sparatoria.

“Questa è stata una scena molto, molto tragica e semplicemente orribile”, ha detto Cantu. Secondo le autorità, la casa non presentava segni di effrazione, ed è possibile che la famiglia conoscesse l’assassino.

Gli investigatori stanno ora visionando le immagini della videsorveglianza che potrebbero aiutare nelle indagini. Secondo quanto riferito da alcuni parenti al canale tv KHOU, la madre della bimba era incinta.

“Chiunque abbia compiuto questo crimine efferato, è entrato in quella casa con la chiara intenzione di farlo”, ha detto a KHOU il cugino della madre. “Non voleva lasciare testimoni. Non ha sparato al bambino di 1 anno solo perché non può parlare”.

Si finge morta e sopravvive alla strage: uccisi padre, madre e fratellino
CONTINUA LA LETTURA
Homepage cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST