Si schianta in un fossato con auto rubata e muore annegato

sei in  Italia

2 mesi fa - 4 Agosto 2021

Si schianta in un fossato con auto rubata e muore annegato. Ha perso il controllo dell’auto, rubata la sera precedente in provincia di Rimini, mentre percorreva ieri mattina una strada sterrata alla periferia di Castagnaro (Verona).

E in pochi istanti l’utilitaria è piombata in un canale irriguo, con un metro e mezzo d’acqua, trasformandosi in una trappola mortale dopo una spaventosa carambola.

Il giovane al volante è deceduto infatti all’istante per annegamento. E a quel punto si è presentato davanti un autentico rebus per riuscire a dare un nome e un cognome alla vittima priva di documenti.

I rilievi di rito sono affidati alla polizia locale del distretto «Basso Adige» e ai carabinieri della stazione cittadina, intervenuti prontamente sul posto con il personale del 118.

L’identità

Dopo una serie di febbrili ricerche incrociate, gli investigatori sono risaliti all’identità dello sfortunato conducente. Si tratterebbe di Albano Ahmetovic, un cittadino bosniaco di 34 anni residente a Santarcangelo di Romagna, nel Riminese.

La conferma ufficiale arriverà infatti solo dagli accertamenti dattiloscopici per l’identificazione personale attraverso le impronte digitali. Erano le 9.20 quando il giovane, dopo aver dato in escandescenze in paese complice qualche bicchiere di troppo, dapprima ha avuto una discussione con un barista.

Poi ha battibeccato con un agricoltore – ha imboccato al volante della Fiat Punto nera via Argine Valle, una strada immersa nelle campagne di Menà che sbuca su alcuni fondi agricoli. Improvvisamente, vuoi per una distrazione, la velocità sostenuta o lo stato di alterazione, non è più riuscito a governare la macchina, che si è trasformata in una scheggia impazzita.

La Punto

In base ad una prima ricostruzione effettuata dagli agenti coordinati dal vice commissario Pietro Ballottin – ha iniziato a zigzagare fino a piombare, dopo una frenata di circa 30 metri, in un canale irriguo situato a destra della carreggiata dove ha terminato la sua corsa cappottandosi.

A dare l’allarme è stato il dipendente di un Consorzio di bonifica che ha scorto l’utilitaria immersa nell’acqua. Sul luogo dell’incidente sono giunti di lì a poco, oltre a vigili, carabinieri, ambulanza e elicottero di Verona Emergenza, anche i pompieri di Legnago.

Questi hanno provveduto a recuperare l’auto dove era rimasto intrappolato Ahmetovic. Purtroppo, i disperati tentativi di rianimarlo si sono rivelati vani e alla 10.08 al medico legale non è rimasto che constatare il decesso del 34enne.

Mentre la polizia locale era impegnata a coordinare le operazioni di soccorso e a ricostruire l’esatta dinamica del terribile schianto, ai militari del maresciallo capo Massimo Previtali si è presentato davanti un vero e proprio giallo.

Nessuno in paese, e nemmeno al campo nomadi di Menà dove si presumeva avesse qualche conoscenza e fosse perciò diretto, lo conosceva. A complicare l’identificazione del ragazzo annegato nello scolo di Menà ha contribuito poi l’assenza di documenti.

Un segno distintivo

Il tassello mancante a quel puzzle tragico lo hanno messo dopo alcune ore le indagini; grazie alle quali si è risaliti all’identità dell’automobilista che aveva precedenti con la giustizia. Oltre ad avere un segno distintivo: una grossa protuberanza sulla tempia destra.

La certezza arriverà comunque solo dalla comparazione delle impronte. La salma di Ahmetovic, una volta informato il pm di turno, la dottoressa Elisabetta Labate della Procura scaligera, è trasferita all’istituto di Medicina legale del policlinico veronese di Borgo Roma a disposizione dell’autorità giudiziaria. (Fonte larena.it)

Si schianta in un fossato con auto rubata e muore annegato
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST auto Oggi