Svizzera sistema sanitario al collasso, terapie intensive piene

2 settimane fa
18 Novembre 2020
di redazione

Svizzera sistema sanitario al collasso, terapie intensive piene. La pandemia di Coronavirus non si arresta e la situazione appare sempre più difficile anche in Svizzera, dove il sistema sanitario è sotto pressione.

Nella tarda sera di ieri, la Società svizzera di medicine intensive (SSMI) ha diramato un drammatico comunicato. Nel quale fa sapere che i posti di rianimazione sono praticamente tutti occupati.

“Gli 876 posti letto di terapia intensiva certificati, che normalmente sono disponibili in Svizzera per la cura degli adulti, al momento risultano praticamente tutti occupati”, la nota diffusa dalla SSMI.

Gli anestesisti svizzeri precisano che “squadre sono al lavoro con il massimo impegno per aumentare la disponibilità” dei posti letto. Ma intanto ricordano che è molto importante contenere la pandemia e rinviare interventi e cure non urgenti.

Nella giornata di ieri in Svizzera sono stati registrati 128 morti per Covid in 24 ore, mentre le persone attualmente positive al Coronavirus nel Paese sono più di 100.000.

La provocazione dell’economista: “Niente terapie intensive per i negazionisti”

Di ieri intanto la proposta in Svizzera, che ha fatto discutere, di Willy Oggier, economista specializzato nel settore sanitario. Che in una intervista ha invitato a prendere sul serio gli scettici del coronavirus.

L’economista chiede l’introduzione di una base legale che consenta di infliggere loro multe disciplinari evitando lunghe procedure. E soprattutto ha proposto di registrare il nome dei negazionisti del Covid.

E, qualora fossero infettati dal virus, di non accordare loro un letto nei reparti di cure intensive in caso di carenza di posti. Tale modo di procedere potrebbe servire da segnale secondo Oggier.

“Spesso occorrono delle sanzioni affinché il sistema funzioni”, è il parere dell’economista. “Coloro che ignorano volontariamente le regole di distanziamento sociale e di igiene devono assumersi la responsabilità dei loro atti”, ha aggiunto. Fonte Fanpage