Tragedia: moto contro auto, morto un 20enne, un ferito grave

sei in  Italia

1 mese fa - 4 Agosto 2021

Tragedia: moto contro auto, morto un 20enne, un ferito grave. Un tragico incidente stradale si è verificato nel pomeriggio di oggi, mercoledì 4 agosto, a Giugliano in Campania, città dell’hinterland a Nord di Napoli.

Il bilancio è di un giovane deceduto e di un altro ferito in maniera molto grave. Stando a quanto si apprende, la vittima, un 20enne del posto, e il ferito, si trovavano in sella a una motocicletta Yamaha.

Quando, giunti in via Nuova Arco Sant’Antonio, il mezzo a due ruote si è scontrato con un’automobile, una Lancia Delta. La vittima, che si trovava alla guida della motocicletta, è purtroppo stata sbalzata in aria violentemente.

Morto sul colpo

Ha perso la vita praticamente sul colpo. Troppo gravi le ferite riportate nell’impatto. Soccorso dal 118, l’altro occupante della motocicletta è stato trasportato al più vicino ospedale, dove è stato ricoverato in gravi condizioni di salute.

Soccorso dai sanitari anche il conducente della vettura, che però ha riportato ferite lievi. Sul luogo della tragedia sono arrivati anche gli uomini della Polizia Municipale di Giugliano, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso.

Per poter determinare l’esatta dinamica del drammatico incidente e per accertare eventuali responsabilità. A causa dello scontro, dei rilievi delle forze dell’ordine e della rimozione dei veicoli coinvolti, si sono registrati anche notevoli rallentamenti alla circolazione automobilistica nella zona interessata. (Fonte fanpage.it)

Imprenditrice cambia falsi assegni: arresti domiciliari

Un’imprenditrice campana di 50 anni, che opera nel commercio di auto nel Vallo di Diano, è stata posta agli arresti domiciliari dalla Guardia di Finanza con le accuse di truffa e tentata truffa ai danni di un ente pubblico e autoriciclaggio.

I militari delle fiamme gialle hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Potenza, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica del capoluogo lucano.

Fra il 2019 e il 2020 la donna aveva posto all’incasso in una banca di Brienza (Potenza) cinque assegni intestati al Comune di Gaeta (Latina), per un valore complessivo di 240 mila euro.

Il primo degli assegni – per 50 mila euro – era “abilmente falsificato” ma aveva superato “un primo vaglio dell’istituto di credito”, che aveva accreditato la somma. La Guardia di Finanza, poi, aveva accertato che i soldi erano utilizzati dalla donna nella sua attività imprenditoriale.

Tragedia: moto contro auto, morto un 20enne, un ferito grave
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST moto Oggi