Tre naufraghi salvati grazie a un enorme “Sos” scritto sulla sabbia

2 mesi fa
5 Agosto 2020
di redazione

Tre naufraghi salvati grazie a un enorme “Sos” scritto sulla sabbia. Tre marinai sono stati salvati dopo essere naufragati su un’isola sperduta del Pacifico occidentale.

I novelli Robinson Crusoe sono infatti riusciti ad attirare l’attenzione di un elicottero mettendo a punto un grosso messaggio di soccorso utilizzando la sabbia dell’atollo. I malcapitati, originari degli Stati federati di Micronesia, erano dispersi da tre giorni.

La disavventura dei tre marinai è cominciata quando la loro imbarcazione di 7 metri è rimasta in panne in mezzo al mare. Mentre stavano percorrendo la rotta di 42 chilometri dall’atollo di Pulawat a quello di Pulap. Entrambi appartenenti alla federazione micronesiana.

Dopo che il loro natante si è fermato per esaurimento del carburante, quegli uomini hanno dovuto rinunciare a continuare la loro traversata. E si sono quindi rifugiati sull’isola Pikelot. Sempre soggetta alla sovranità della Micronesia e ubicata a quasi 200 chilometri dalla destinazione originaria della tratta che stavano effettuando i tre malcapitati.

Le ricerche di questi ultimi sono cominciate sabato su iniziativa delle squadre di soccorso americane. Che hanno iniziato a esplorare il Pacifico salpando dall’atollo Usa di Guam.

Il salvataggio

Sennonché, a individuare casualmente i marinai finiti su un’isola sperduta è stato un elicottero della Marina militare australiana. Il velivolo era decollato dalla portaerei HMAS Canberra ed era diretto alle Hawaii. Per delle esercitazioni strategiche. Quando, a un certo punto, il pilota ha notato, sorvolando proprio l’isola Pikelot, un’enorme scritta “Sos” sulla sabbia della stessa.

Dopo avere avvistato l’imponente messaggio di soccorso, l’elicottero è atterrato sull’atollo. E ha immediatamente offerto aiuto ai tre naufraghi micronesiani. Che presentavano allora tutti buone condizioni di salute, fornendo loro acqua e cibo.

I Robinson Crusoe contemporanei saranno a breve riportati a casa, hanno fatto sapere le autorità australiane, da un pattugliatore del proprio Paese di origine. Nel frattempo, calorosi complimenti al pilota che ha soccorso i marinai e a tutto il personale delle squadre di ricerca sono stati espressi dal capitano Terry Morrison, della Marina di Canberra.

Una disavventura analoga, avente come teatro sempre un atollo della Micronesia, è andata in scena nel 2016. Anche in quel caso, i naufraghi sono recuperati sani e salvi. Fonte IlGiornale.it

temi di questo post