Va a casa di suo fratello, lo uccide e poi si toglie la vita a colpi di pistola

Va a casa del fratello più grande armato di Beretta e lo uccide con due colpi in pieno viso
di  Redazione
1 settimana fa - 4 Giugno 2021

Va a casa di suo fratello, lo uccide e poi si toglie la vita a colpi di pistola. Due fratelli di 60 e 54 anni sono morti nella tarda serata di ieri in un’abitazione di Oste di Montemurlo, in provincia di Prato.

Si tratterebbe secondo gli investigatori di un caso di omicidio-suicidio. I carabinieri sono stati allertati dai vicini che avevano udito tre colpi di pistola. Il cadavere di Giacomo Pusceddu, 60 anni, è stato trovato all’interno della sua abitazione di via Pomeria, nella quale viveva da solo.

Poco lontano da lui il corpo del fratello 54enne Maurizio. Secondo le prime indiscrezioni, il più giovane dei due fratelli sarebbe stato un senza fissa di mora e avrebbe raggiunto l’abitazione di Giacomo armato di Beretta a caricatore pieno.

Due colpi fatali contro il fratello

Contro di lui avrebbe esploso due colpi, togliendosi poi la vita successivamente con un proiettile alla testa. Sono ancora diversi gli aspetti della vicenda da chiarire: i carabinieri indagano sul movente dell’omicidio, al momento sconosciuto.

Si procederà all’ascolto dei testimoni, come familiari e amici, per capire cosa possa essere avvenuto nell’appartamento di via Pomeria. L’arma del delitto è stata ritrovata sul posto, poco lontano dai due corpi.

E secondo quanto accertato sarebbe stata di proprietà di Maurizio Pusceddu, che la deteneva regolarmente. Il 54enne avrebbe colpito il fratello con due colpi in pieno volto. Sequestrati anche i cellulari dei due, nella speranza di reperire al loro interno i motivi dell’omicidio-suicidio.

Fondamentale per comprendere quanto accaduto è scoprire dissidi tra fratelli che potrebbero essere nati proprio quando Maurizio è diventato un senzatetto. I due non avevano precedenti penali.

Gli agenti stanno analizzando anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona, in cerca di ulteriori elementi per comprendere cosa possa essersi verificato tra i due fratelli nella serata di ieri.

Incendio su tetto centro commerciale, Vvf al lavoro tutta notte

Sono proseguite per tutta la notte le operazioni di spegnimento dell’incendio scoppiato sul tetto del centro commerciale di Ponte a Greve, alla periferia di Firenze. Lo rendono noto i vigili del fuoco spiegando che le squadre intervenute si sono trovate in presenza di un tetto ventilato, che per caratteristiche rende più lunghe e difficoltose le operazioni di spegnimento.

I vigili del fuoco di Firenze sono intervenuti con il supporto dei comandi di Prato, Pistoia, Livorno, Siena, Grosseto, Pisa e Bologna. Anche la Protezione civile ha messo a disposizione due autobotti per il rifornimento d’acqua. Il centro commerciale rimane momentaneamente chiuso.

Va a casa di suo fratello, lo uccide e poi si toglie la vita a colpi di pistola
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST
Oggi omicidio suicidio