Mafia, Giovanni Brusca esce dal carcere: ha finito di scontare la sua pena

Giovanni Brusca ha finito di scontare la pena e da oggi l’ex killer di Cosa nostra è un uomo libero
di  Redazione
3 settimane fa - 1 Giugno 2021

Mafia, Giovanni Brusca esce dal carcere: ha finito di scontare la sua pena. Il boss mafioso Giovanni Brusca ha lasciato il carcere dopo 25 anni per fine pena. Come scrive L’Espresso, Brusca ha lasciato oggi il penitenziario di Rebibbia, a Roma, con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della condanna.

Sarà sottoposto a controlli e protezione e a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d’Appello di Milano. La notizia anticipata da L’Espresso ha trovato conferma in ambienti investigativi.

Fedelissimo del capo di Cosa nostra Totò Riina

Fedelissimo del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina, diventato un collaboratore di giustizia l’ex boss di San Giuseppe Jato ha ammesso, tra le altre cose, il suo ruolo nella strage di Capaci e nell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Brusca è stato scarcerato per effetto della della legge del 13 febbraio del 2001 grazie alla quale per lo Stato italiano ha finito di scontare la propria pena detentiva. Avendo scelto di collaborare con la giustizia, il pentito ha ottenuto gli sconti di pena previsti dalla legge.

Brusca azionò il telecomando della strage di Capaci

Giovanni Brusca il 23 maggio del 1992 azionò il comando che innescò la strage di Capaci uccidendo il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro.

Soprannominato “u verro” (il porco, in siciliano), Brusca era stato arrestato nel 1996 e dopo alcuni anni ha iniziato a collaborare con la giustizia. Oltre alla strage di Capaci, Brusca ha avuto un ruolo di primo piano nell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo.

Il figlio del pentito Santino, ucciso e sciolto nell’acido a 15 anni. Ed è a lui che sono attribuite altre decine di omicidi di mafia.

Maria Falcone: “Umanamente addolorata, ma è la legge e va rispettata”

“Umanamente è una notizia che mi addolora, ma questa è la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello e quindi va rispettata”. A parlare è Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni Falcone, subito dopo che si è diffusa la notizia della scarcerazione di Giovanni Brusca.

“Mi auguro solo che magistratura e le forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione in modo da scongiurare il pericolo che torni a delinquere, visto che stiamo parlando di un soggetto che ha avuto un percorso di collaborazione con la giustizia assai tortuoso.

Ogni altro commento mi pare del tutto inopportuno”, ha aggiunto quindi Maria Falcone. Tante le reazioni che stanno arrivando in queste ore dopo la notizia della scarcerazione di Brusca. Non sono mancate le reazioni da parte della politica.

“Autore della strage di Capaci, assassino fra gli altri del piccolo Giuseppe Di Matteo, sciolto nell’acido perché figlio di un pentito. Dopo 25 anni di carcere, il boss mafioso Giovanni Brusca torna libero. Non è questa la “giustizia” che gli italiani si meritano”, ha commentato su Twitter il leader della Lega, Matteo Salvini.

Mafia, Giovanni Brusca esce dal carcere: ha finito di scontare la sua pena
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST
brusca Oggi