Muore sul lavoro operaio di 38 anni: travolto da pesanti lastre di pietra

sei in  Italia

2 mesi fa - 26 Luglio 2021

Muore sul lavoro operaio di 38 anni: travolto da pesanti lastre di pietra. Ancora una tragedia sul lavoro. In Emilia Romagna è morto un operaio di trentotto anni.

L’incidente mortale sul lavoro si è consumato alle 9 di stamattina, lunedì 26 luglio, nell’azienda Eurocave a Corneto di Verghereto, nella provincia di Forlì-Cesena.

La vittima, di origine marocchina, abitava a Verghereto con la famiglia ed era regolarmente assunta. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, lo sfortunato operaio è stato colpito da pesanti lastre di pietra grezza.

Le aveva appena tagliate insieme ad alcuni colleghi. Stavano per iniziare a trasportarle con dei muletti quando per cause ancora in corso di accertamento si sono sganciate colpendolo violentemente.

Inutili i soccorsi per il trentottenne. Lascia moglie e figli

Il trentottenne è stato immediatamente soccorso da personale medico e infermieristico che era presente in azienda ma nonostante i tentativi di rianimarlo per lui, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. Sul posto il 118, i carabinieri e la Medicina del lavoro. Il trentottenne lascia la moglie e i figli.

Pochi giorni fa un altro incidente mortale nel Cesenate

L’incidente mortale di oggi arriva a pochi giorni da un’altra tragedia sul lavoro registrata nella zona di Sarsina: a morire un coetaneo e connazionale della vittima di oggi.

L’uomo, dipendente di una azienda agricola, ha perso la vita rovesciandosi con il proprio trattore nel podere Cà di Maggiò a San Martino di Sarsina, nel Cesenate. Secondo la ricostruzione, il mezzo meccanico si è rovesciato e l’uomo vi è finito sotto restando schiacciato e morendo sul colpo.

Strage Bologna: inaugurato a Cesena murale per le vittime

Un murale nella zona della stazione ferroviaria di Cesena per ricordare le vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980. L’opera, realizzata dall’artista Loris Dogana, è stata inaugurata questa mattina dalla presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, Emma Petitti, dal sindaco di Cesena Enzo Lattuca, e dall’assessore ai servizi Culturali, Carlo Verona.

Presenti anche i rappresentanti dell’associazione familiari delle vittime e dell’associazione Serendippo.

Il murale, realizzato sulla parete esterna del dipartimento di Psicologia in piazzale Karl Marx, rappresenta l’Italia colpita dalla bomba del 2 agosto 1980. “Un uovo vuoto – ha commentato l’artista – un’Italia che ancora oggi è una frittata di uova nella quale non si riescono a identificare chiaramente responsabili e mandanti”.

La realizzazione dell’opera di Cesena conclude il progetto ‘Lost&found 1980-2020. Memorie private e collettive 40 anni dopo’: un percorso di arte pubblica sull’attentato del 2 agosto che attraversa strade e piazze di tutte le province dell’Emilia-Romagna con le opere murali di giovani artisti, tutti nati dopo il 1980.

Insieme all’opera di Dogana, infatti, sono realizzati murales a Bologna, Parma, Reggio Emilia, Rimini, Modena, Ravenna, mentre sono in fase di completamento le opere di Ferrara e Sarmato (Piacenza).

“Come Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, abbiamo sostenuto con piacere questo progetto che attraverso murales e installazioni urbane, unirà Bologna alle altre otto province della regione nella commemorazione dell’attentato alla stazione”, ha spiegato la presidente Emma Petitti.

Muore sul lavoro operaio di 38 anni: travolto da pesanti lastre di pietra
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Italia Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST Oggi