Pakistan, uomini armati assaltano la Borsa di Karachi: almeno dieci morti

2 settimane fa
29 Giugno 2020
di redazione

Pakistan, uomini armati assaltano la Borsa di Karachi: almeno dieci morti. Uccisi anche due civili.  Almeno 10 persone, inclusi quattro assalitori, hanno perso la vita questa mattina durante l’attacco alla Borsa di Karachi in Pakistan da parte di un gruppo di uomini armati. Secondo la polizia le altre vittime sono quattro guardie addette alla sicurezza, un poliziotto e un civile. Il gruppo ha fatto irruzione nell’edificio che ospita la Borsa pachistana nella capitale finanziaria del Paese ed ha aperto il fuoco e lanciato almeno una granata nella sala principale dove si svolgono le contrattazioni. La polizia ha recuperato sul posto “armi automatiche moderne ed esplosivi”, hanno reso noto le autorità in un comunicato.

La dinamica

Il blitz all’edificio che ospita lo Stock exchange è stato compiuto con granate e pistole. La struttura si trova in una zona ad alta sicurezza e ospita anche le sedi centrali di molte banche private. La polizia ha riferito che quattro aggressori, arrivati a bordo di un’auto grigia, sono stati uccisi. Fonte: SKY

La ricostruzione fornita dal quotidiano Dawn

Secondo la ricostruzione fornita dal quotidiano Dawn, i quattro assalitori sono entrati dal parcheggio del palazzo “sparando indiscriminatamente”. Hanno fatto irruzione nell’edificio intorno alle 9 (ora locale) dopo aver attaccato l’ingresso principale. I Ranger hanno confermato l’uccisione di “tutti i quattro assalitori”, riporta il giornale. Al momento dell’attacco nell’edificio ci sarebbero state più di mille persone.

Proseguono comunque le operazioni delle forze di sicurezza

Nella zona proseguono comunque le operazioni delle forze di sicurezza. Le prime notizie dei media locali parlano di almeno due civili uccisi e almeno quattro, fra cui un poliziotto, feriti nell’attacco alla Borsa di Karachi. Il capo della polizia Ghulam Nabi Memon, ha detto all’agenzia Reuters che i quattro aggressori, arrivati sul posto in auto, sono stati uccisi nel corso di uno scontro a fuoco con la polizia.  Ghulam Nabi Memon ha aggiunto che ora la situazione è sotto controllo.

La Borsa di Karachi

La Borsa di Karachi si trova in una delle zone più protette della città, nel quartiere dove ci sono le sedi delle principali banche e istituzioni finanziarie che operano in Pakistan. La maggior parte delle persone è riuscita a fuggire o nascondersi chiudendosi negli uffici della Borsa. Chi era all’interno dell’edificio è stato evacuato dalla porta sul retro, riporta Geo TV.

L’assalto è stato rivendicato dal Baloch Liberation Army (Afp)

L’assalto è stato rivendicato dal Baloch Liberation Army (Afp), un gruppo separatista pachistano basato in Afghanistan e ritenuto un’organizzazione terroristica dalle autorità pachistane, degli Stati Uniti e del Regno Unito. Il Pakistan ha subito anni di violenza militante, soprattutto da parte di gruppi islamisti, ma attacchi come questo sono diventati rari negli ultimi anni. Il leader del Bla è Hyrbyair Marri e risiede a Londra. Il Belucistan è una regione vasta divisa fra Iran, Afghanistan e Pakistan

Chi è Hyrbyair Marri

Nato nel 1968, Hyrbyair Marri è un attivista nazionalista Baloch della provincia pakistana del Balochistan ed è figlio del leader nazionalista di Baloch Khair Bakhsh Marri. Dal 2017, risiede a Londra dove è stato processato e assolto dalle accuse di terrorismo che gli aveva rivolto un tribunale britannico nel 2009,  Il governo britannico ha accolto la sua richiesta di asilo politico nel 2011. Nel 1996, Hyrbyair viene eletto all’Assemblea provinciale del Balochistan e viene nominato Ministro dell’Istruzione della provincia. Nel 2000, la polizia del Balochistan arresta e accusa il padre dell’omicidio del giudice dell’Alta Corte del Balochistan Nawaz Marri e Hyrbyair lascia il Pakistan per la Gran Bretagna.

In aggiornamento

—Leggi anche sulla politica antiraziale di alcune note aziende, come la L’Oreal che hanno cambiato la politica interna per evitare che venisse tramite loro diffuso un messaggio pregiudizievole e razzista. Ecco la notizia in questione: L’Oreal Contro Il Razzismo. Ecco Cosa Ha Fatto La Nota Azienda

temi di questo post