Il fiume diventa rosso: è il sangue di 47 mila maiali

di  Redazione
2 anni fa - 12 Novembre 2019

Il fiume diventa rosso: è il sangue di 47 mila maiali abbattuti. Le acque del fiume sono diventate rosse. Non per un fenomeno naturale, non c’è niente di suggestivo nello spettacolo del corso d’acqua color porpora. Quel rosso è il sangue di migliaia di maiali, abbattuti nel tentativo di fermare un’epidemia di peste suina. È successo in Corea del Sud, dove nello scorso fine settimana è stata compiuta l’eliminazione di massa dagli allevamenti. Infatti in poche ore sono stati uccisi 47 mila maiali. Le carcasse dovevano essere chiuse in contenitori di plastica prima di essere smaltite, ma questi contenitori non erano stati preparati per tempo per cui migliaia di animali morti sono stati accatastati in siti provvisori. Ma le piogge violente cadute in questi giorni sulla regione hanno “lavato” i corpi dei maiali, trasportandone il sangue fino a farlo confluire nel vicino fiume Imjin.

Le autorità assicurano che l’incidente, per quanto spiacevole, non comporta rischi. La peste suina (lo stesso ceppo di virus che di recente si è diffuso anche in Italia, in particolare in Sardegna) non si trasmetterebbe attraverso il sangue, anche perché le carcasse erano state disinfettate subito dopo l’abbattimento. In ogni caso la malattia può al massimo contagiare altri animali ma non gli esseri umani

Il fiume diventa rosso: è il sangue di 47 mila maiali
CONTINUA LA LETTURA
Homepage cronaca Condividi adesso
TEMI DI QUESTO POST
corea cronaca monso