Recita di Natale vietata all’asilo. Le maestre: «Discrimina i bambini che non sono cattolici»

Recita di Natale vietata all’asilo. Le maestre: «Discrimina i bambini che non sono cattolici»

14 Novembre 2019

di Redazione L'inserto

Niente recita di Natale per i bimbi della scuola dell’infanzia Gianni Rodari di via Torino a Moie, che fa parte dell’istituto comprensivo Carlo Urbani. I bimbi dai 3 ai 5 anni non vedevano l’ora di salire sul palcoscenico, tra musiche, colori, canti e balli, per quella recita che è un gioco da fare tutti insieme. Cattolici e non. Sì perché il problema sembra essere proprio questo: quel 10% di bambini stranieri non di fede cristiana, cui una recita di Natale potrebbe destare malcontento e offendere la sensibilità religiosa. «I nostri bambini non potranno fare la recita di Natale perché discriminatorio nei confronti dei bimbi non cattolici, ma vi sembra normale?» lamentano a gran voce i genitori. Una presa di posizione da parte delle insegnanti che però fa saltare i genitori sulla sedia, oltretutto in un paese come Moie di Maiolati Spontini nata dai monaci benedettini e con profonde radici cristiane. L’annullamento dello spettacolo, che da sempre rappresenta una tradizione nelle scuole del territorio, lascia interdetto anche il sindaco Tiziano Consoli, a conoscenza della bagarre venutasi a creare in questi giorni tra genitori e insegnanti.

Camorra: 29enne ucciso a Soccavo, corpo trovato in un cortile Coronavirus Italia: i dati di oggi 17 maggio 2022 Coronavirus Campania: i dati di oggi 17 maggio 2022 Imprenditore 28enne trovato impiccato in un bosco Giovane di 24 anni muore sul colpo | É precipitata dal quarto piano Coronavirus Italia: i dati di oggi 16 maggio 2022
leggi articoli di  Cronaca
CONTINUA LA LETTURA
Homepage Cronaca Condividi adesso
CONDIVIDI ADESSO
Facebook Whatsapp
Twitter Instagram Linkedin
TEMI DI QUESTO POST cronaca integrazione natale recita scuola