Ungheria: neonazisti vandalizzano il centro ebraico di Budapest

10 mesi fa
24 Ottobre 2019
di redazione

Una cinquantina di neonazisti ha vandalizzato il centro ebraico di Budapest, prendendo di mira in particolar modo un centro culturale, che si occupa di integrazione.

Il grave episodio di cronaca è avvenuto nella giornata di ieri, mercoledì 23 ottobre. Secondo quanto riferito dai media locali, una cinquantina di neonazisti, che indossavano una uniforme nera con stivali da campo e il loro simbolo, simile alla croce uncinata, ha marciato nel centro ebraico della capitale ungherese gridando slogan antisemiti e frasi omofobe e razziste.

I neonazi, poi, hanno bruciato delle bandiere israeliane e hanno provato ad appiccare fuoco al centro Aurora, un’associazione culturale che si occupa dell’integrazione dei rom e dell’aiuto anti-discriminazione degli Lgbt.

I neonazisti fortunatamente non sono riusciti nel loro intento, anche perché hanno trovato le porte del centro bloccate.

Secondo quanto affermato da Adam Schonberger, responsabile del’organizzazione ebraica Marom, che gestisce il centro Aurora, le forze dell’ordine sono state avvertite immediatamente, ma sono intervenute con insolito e sospettoso ritardo.

Fonti ufficiali non segnalano fermi o arresti effettuati nella giornata di ieri

Il sospetto della comunità ebraica, dunque, è che l’azione criminale del gruppo di neonazi sia stata in qualche modo “tollerata” dalla polizia.

A Budapest, di recente, si sono svolte le elezioni comunali, che hanno visto trionfare Gergely Karacsony, candidato dei partiti uniti dell’opposizione, che ha sconfitto il sindaco uscente Istvan Tarlos, esponente di Fidesz, il partito del premier sovranista Viktor Orban